mercoledì 27 marzo 2013

allattamento: l'ultima poppata

non è facile comprendere certe sensazioni di madre se non le vivi, anzi quando ancora non lo sei, se te le raccontano ti sembrano pazzie e invece sono qui, per la seconda volta a sentire il calore delle lacrime che lentamente rigano le mie guance mentre ti guardo finalmente addormentata.
siamo arrivate al capolinea, questa volta è vero, nonostante in questi 5 mesi e mezzo l'abbia detto mille volte, questa volta i segnali sono inequivocabili, i miei e i tuoi.
stavo per abbandonare la partita a dieci giorni, quando il dolore era insopportabile e attaccarti al seno significava stringere i denti e contare fino a quando il dolore si fosse placato, stavo per abbandonare quando le ragadi sanguinavano e tu rigurgitavi sangue, stavo per abbandonare ma la tiralatte mi ha dato un pò di sollievo e così le creme, gli impacchi, le posizioni, l'aggiunta.....
stavo per abbandonare ma la mia convinzione ad allattarti è stata più forte di tutto e sono andata avanti...nonostante il tuo attacco vorace abbia continuato a rendere questo allattamento doloroso per tutto il tempo.
sono andata avanti chiamando tante e tante volte la consulente del latte e ogni volta siamo ripartite da capo con la convinzione che prima o poi tutto sarebbe andato a posto.
e invece no, le tue gengive ora sono come lame e la situazione è tornata al punto di partenza.
il mio latte non basta più, tu piangi, il mio seno mi fa talmente male da rendere impossibile ulteriori poppate.
eccolo qui: il biberon.
questo biberon stanotte segna la svolta, ora ci siamo davvero.
abbiamo fatto tanta strada e mentre da una parte non ci avrei scommesso una lira di arrivare fin qui, per tutto ciò che ho sopportato, dall'altra sento un pò l'amarezza di una sconfitta, in fondo sognavo di smettere più in là e in altri modi.
e ti guardo e ancora una volta sento quell'ultimo distacco.
dopo il taglio del cordone ombelicale credo che la fine dell'allattamento sia la vera separazione tra una madre e il suo bambino.
allattamento non è solo nutrimento ma anche coccole, amore, ritrovarsi unite come quando eri nella pancia.
i nostri corpi si separano ora, la gravidanza finisce davvero qui.

da domani continueremo i nostri esperimenti con pappe e cucchiaino, da domani giocosamente scoprirai quante cose buone ci sono a tavola, da domani comincerò ad essere anche per te quella mamma che seguirà il tuo cammino osservandoti crescere e consolandoti con carezze, coccole e parole....e abbracci, abbracci caldi come quello che avvolge questa nostra ultima poppata.

14 commenti:

  1. tienila stretta streatta mentre le dai il suo nuovo ciuccione.

    RispondiElimina
  2. Anche dando il biberon ci possono essere coccole, abbracci, calore e legame...dipende da come lo si vive, quindi non essere triste.
    E poi, sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo so anche perchè l'ho già provato con la prima che smisi di allattare a 3 mesi...però mi mancherà ;-)

      Elimina
  3. Ehi, ehi, ehi!
    quasi tutto vero, quasi! perchè tu dici "dopo il taglio del cordone ombelicale credo che la fine dell'allattamento sia la vera separazione tra una madre e il suo bambino", ma lo sai già che non è vero. Sei già mamma, sai bene che la vera separazione non è quella, sarà quando si addormenterà da sola? quando mangerà col cucchiaino? quando non avrà più il pannolino? quando saprà prendere la tachipirina da sola?
    quando andrà a vivere in un'altra casa? Io da figlia non ho ancora capito quando, ma soprattutto se è avvenuta questa separazione fra me e mia mamma. L'autonomia è una scala fatta di tantissimi gradini, molto molto irregolari: alcuni altissimi altri minimi, alcuni ravvicinati altri lunghissimi! Stai serena, stai dando il meglio alla tua cucciola e lei lo sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e mi hai fatto piangere....lo so lo so, però non è facile non pensarci quando finisci di allattare. grazie. (e forse anche io con mia madre non l'ho ancora tagliato)

      Elimina
  4. Non prenderla così, te lo dice una mamma che non ha potuto allattare il primo figlio.

    "allattamento non è solo nutrimento ma anche coccole, amore, ritrovarsi unite come quando eri nella pancia."

    Bè avrete tante altre occasioni per sentirvi così unite: quando le cambierai il panno,e potrai affondare il naso nel suo collo e ridere con lei mentre le fai il solletico; quando inizierà a dire mamma e lo ripeterà per ogni piccola necessità fino allo sfinimento; quando imparerà a dare i bacini e, da brava femminuccia, ti riempirà di coccole; quando muoverà i primi passi e con fare incerto e precipitoso ti correrà incontro gettandoti le braccia al collo. No, che non è finita, siete solo all'inizio!

    RispondiElimina
  5. Ho dovuto smettere a tre mesi dopo un mese di misto e ingorghi e' stata lei a dire basta, si attaccava e invece di ciucciare rideva...e aspettava il biberon. Quando ho deciso di dire basta l'ho fatto per lei, mi sembrava di insistere inutilmente, il mio latte era poco, a lei non bastava ma bastava a creare ogni volta un ingorgo se non lo voleva... E' stato terribile prendere la decisione, l'ultima poppata l'ho fatta abbracciata a lei con un'idea di addio...che poi non e' stato cosi' tremendo. Abbiamo trovato un'intesa con il biberon, una posizione solo nostra, le mani che si cercano, i bacini sulla fronte. Ma quanto e' dura lasciarla andare...crescera', lo sappiamo. Un abbraccio mamma.

    RispondiElimina
  6. sei stata bravissima nonostante tutto ad arrivare fino a qua, devi esserne orgogliosa! anche se capisco che è triste l'ultima poppata tu le sarai sempre vicino e le coccole non finiranno mai. Io ancora un po' soffro quando la mia piccola mi vede nuda, mi guarda e non dice niente mentre fino a quanlche mese fa appena vedeva che mi spogliavo e scoprivo il seno era felicissima, si agitava tutta, ha già dimenticato tutto ma comunque prima o poi è una tappa del nostro cammino

    RispondiElimina
  7. Ci saranno tantissimi altri modi per stare insieme, e l'allattamento ne è solo un aspetto. Inoltre anche il biberon può portare a momenti d'intimità.

    RispondiElimina
  8. L'allattamento è un legame importante ma ce ne saranno altrettanti belli e profondi :-)

    RispondiElimina
  9. Ti capisco e mi commuovi, anche io non ho allattato ma ci sono davvero tanti modi per darle calore e non risentirà di nulla, ne sono certa e vale anche per me.

    RispondiElimina
  10. Bellissimo post! Condivido tutto dalla prima all'ultima parola. Sono le stesse sensazioni che ho provato all'ultima poppata della mia prima figlia e sono sicura che saranno gli stessi sentimenti che vivò quando sarà il momento con il secondo che ancora allatto felicemente, al terzo mese. Sei stata brava, sei stata tenace e sei riuscita dove molte hanno mollato. Pensa a quello che sei riuscita a fare fin qui per lui nonostante avessi tutte le carte in mano che ti davano per sconfitta.

    RispondiElimina
  11. Io ho avuto la fortuna di allattare Emma fino a 18 mesi, fino a poco fa...ma l'inizio e' stato traumatico x' mi avevano fatto dare subito l'aggiunta e lei si era abituata a tirare poco da me perché poi sarebbe arrivato il biberon...non l'ho vissuta bene, e' vero, e ti capisco perfettamente anche se per me poi le cos sono cambiate...ma anche allattandola al biberon riuscirete ad avere la vostra intimità, a creare il vostro legame esclusivo..potresti addirittura scoprirsi il seno, appoggiare la sua guanciotta li mentre ciuccia il biberon accarezzando la pelle della sua mamma e sentendone il profumo....sono con te! Un abbraccio, Melie

    RispondiElimina
  12. Mia moglie ha smesso ai quasi 3 anni della piccola e ricordo ancora i lacrimoni!! ma è giusto così, fare i genitori è ... lasciarli andare, no?

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.