mercoledì 19 dicembre 2012

la fine del mondo


oggi a tavola se ne parlava e ne ridevamo su, sono anni che questo fatidico 21 dicembre 2012 viene studiato, ristudiato, temuto e beffeggiato.
eccolo è dietro la porta.
io, ovviamente, non ci credo anche se ho la fortuna di vivere ad un passo dal paese che, a quanto dicono le scritture, da questa fine del mondo dovrebbe salvarsi e quindi eventualmente non mi resterà che prendere la macchina e provare un impervia e avventurosa corsa lì sulla collina di Cisternino. ;-)
mi vien da ridere....ma guarda un pò a pochi chilometri da casa mia ci si salva  ahahah!!!

oggi a tavola si parlava del niente, del nulla che inevitabilmente c'è dopo la fine del mondo e di quanto è faticoso pensare al nulla, al tutto che si trasforma in niente.
le nostre case, le nostre strade, le nostre vite, i nostri problemi, i nostri amori, le nostre lacrime, il nostro tempo improvvisamente non esisteno.

e tutto diventa piccolo, perchè siamo piccoli, siamo puntini nell'universo e nulla più.

insomma se si prova a rendere reale la fine di tutto, forse domani avremmo un mondo più buono, un mondo nel quale non importa possedere armi, possedere denaro, dove l'unica cosa che vorremmo fare in quell'ultimo giorno e dire a tutti "ti voglio bene", abbracciarsi, stringersi, amarsi.
perchè l'amore vince sempre, l'altruismo vince sempre, l'allegria, l'euforia, lo sguardo sorpreso dei bambini. forse riusciremmo a riappropriarcene.

Credo che se domani fosse davvero l'ultimo giorno di questo pianeta, domani assisteremmo ad un mondo più buono, ad un mondo dei sogni e che se sabato saremo tutti qui ad aspettare questo magnifico Natale probabilmente tutti, dagli scettici, a chi l'ha presa sul serio ( vi dico che in zona gli alberghi danno il tutto esaurito) e chi come me non ci crede ma teme che in fondo tutto è possibile data la nostra fragilità umana, tireremmo un sospiro di sollievo e forse tratteremmo meglio questo pianeta che stiamo distruggendo giorno dopo giorno.

e so che sarà così ma che sabato saremo gli esseri umani di sempre.

vi lascio con queste riflessioni strane, che la fine del mondo non sarà dopodomani e che questo pensiero irreale ci insegni a sorridere sempre e a vivere in un mondo di valori positivi.

un abbraccio

p.s. non ci credo ma comunque la mia cucciola a scuola non ce la mando non si sa mai ahahahaha!!!!


2 commenti:

  1. In realtà non ci credo neanche io e non ci crede nessuno, però oggi al ritiro dei bimbi dell'asilo, tutti ne parlavano e ci consolavamo sul fatto che se dovesse succedere, saremmo tutti insieme alla festa di Natale organizzata dal nido.

    RispondiElimina
  2. Non ci credo nemmeno io ma é inevitabile che, sentendone parlare l‘argomento é sulla bocca di tutti. un abbraccio e a proposito,buon fine settimana.

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.