lunedì 10 dicembre 2012

ehi voi! io sono qui: segnali di una sorella maggiore

In effetti lo sta dimostrando in tutti i modi, anzi no mettendo fuori il lato peggiore di sè.
So perchè fa così, so che dietro ogni suo capriccio si nasconde ad arte una sua sofferenza, la sua difficoltà ad adattarsi a questa nuova situazione.
Sono 7 settimane che pupetta è tra noi e sono 7 settimane che lei ha visto dimezzarsi, se non quasi annullarsi le attenzioni su di lei e tutti i buoni propositi si sono infranti contro il muro delle esigenze di un neonato "ad alto bisogno" e della routine diurna e notturna.
anche questa volta ho scoperto che in gravidanza pensi un sacco di cose credendo che sarai tu a condurre il gioco e ancora una volta un neonato ti fa capire che non è affatto così.
in gravidanza mi dicevo che non avrei trascurato la cucciola, che piuttosto l'avrei fatto con la piccolina e sarei stata tanto brava da avere spazi esclusivi solo con lei.
ecco questi spazi esclusivi non solo non ci sono ma quando siamo in comunicazione va a finire che urlo perchè sta mettendo a dura prova il mio sistema nervoso.
pupetta non è la bambina angelica che lì la metti e lì la trovi, piange tanto, è spesso sveglia e va a finire che è sempre in braccio o al seno o sul fasciatoio....sembra non mi sia mai uscita dalla pancia per quanto tempo è incollata a me. ed è impossibile per ora gestire diversamente la cosa.

è chiaro che lei si sente spodestata e che ce l'ha con noi. non lo esprime chiaramente e, anzi, con la sorellina è molto protettiva ed affettuosa.
io comprendo perfettamente i suoi esagerati capricci, però non so gestirli con lucidità e razionalità.
due giorni fa sono riuscita ad uscire sola con lei per andare ad una fiera natalizia, solo un'ora, ma eravamo entrambe molto felici.
spazi che mancano, tempi inesistenti.

vorrei trovare il modo per affrontare meglio i suoi sentimenti, vorrei trovare il modo per dividermi in due per entrambe o almeno 1/4 e 3/4 e invece niente, la pupetta conduce il gioco e ha messo a dura prova gli equilibri di tutti.
spero che questo periodo passi presto o almeno che la piccola si calmi un pò nel pomeriggio per darmi un pò di tempo da dedicare alla grande.
so che è tutto normale ma voi come avete gestito l'arrivo di un fratellino/sorellina nei primissimi mesi?

12 commenti:

  1. Io non ho nessuna risposta...ma sappi che sono qui a raccogliere tutte quelle che offrirete voi! Tra due mesi salgo sulla stessa barca, e davvero non so come me la gestirò con la sorella più grande. Davvero tutti i buoni propositi si schiantano sotto le urla del nuovo arrivato eh..?!

    RispondiElimina
  2. Credo che questo sia un momento molto impegnativo per tutta la famiglia. Tra poco sarò anch'io sulla stessa barca e l'unica certezza che so e' che non sarà facile. Molti mi dicono che con la seconda gravidanza sia tutto più semplice ma francamente ci credo poco, ne devi gestire due e non so proprio dove stia il facile che tanto decantano. ....tu avevi bisogno di parole di incoraggiamento ed io non sono d'aiuto, però posso darti solidarietà per quel poco che conta e comunque, il tempo passerà e tutto tornerà alla sua giusta dimensione e potrai dire di essere ancora più forte. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Purtroppo non credo ci sia soluzione. Oddio, i primi mesi quando ancora "mangia e dorme" paradossalmente è più facile.
    Per quanto mi riguarda il peggio è venuto dopo.
    L'unica cosa è che pian piano la grande se ne farà una ragione, e i capricci diminuiranno, ma più che altro per rassegnazione.
    Mi figlia, povera, ha dovuto combattere con due gemelli, era una guerra persa a tavolino. Chissà, magari qualcun'altra ti saprà consigliare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema che la mia non mangia e dorme.....anzi :-(

      Elimina
  4. per me è stato il contrario, la prima era un tormento, o piangeva o mangiava e il secondo è mooolto più calmo. Però lo stesso mi mancano i miei momenti esclusivi con la maggiore, fa dei capricci che non sempre riesco ad arginare, anzi molto spesso mi ritrovo ad urlare a più non posso sapendo benissimo che non è la strada migliore. Però molto spesso io vado dai nonni, gli mollo il pupetto e vado al parco con la grande, un ora sola, ma tutta nostra

    RispondiElimina
  5. e se usassi la fascia in casa? ti permetterebbe di avere le mani libere per giocare con la grande e forse farebbe stare tranquilla la piccola...che dici? potrebbe essere un'idea? è la prima cosa che mi è venuta in mente ma magari hai già provato...

    RispondiElimina
  6. anch'io ti consiglio la fascia! io l'ho scoperta quando il nuovo arrivato aveva "già" un mese (mannaggia!), e mi ha permesso di conciliare un pochino le cose...insomma almeno potevo stare a giocare con il "grande" ed avere le mani libere. Certo è una soluzione solo pratica, che non risolve l'agitazione e l'ansia legittima del primogenito, ma lenisce un po' la ferita e fa sentire meno impotente la mamma!un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Ciao simply,ti capisco benissimo, tieni duro, la piccolina prenderà un ritmo,di solito entro i tre mesi! Io all'inizio mi dicevo che se aveva mangiato, era stata cambiata e coccolata un po' poteva anche piangere un attimo. Non che la lasciassi lì a piangere ma anche lei piano piano si è abituata. Vi penso tanto e vi abbraccio, mi raccomando ricordati che il tempo vola e anche i momenti più difficili passano

    RispondiElimina
  8. Io non credo di poterti dare consigli....perché il grande ha ben 7 anni ( e il piccolo 7 mesi!!!)..... Ed è' veramente una meraviglia!!!! Non soffre di gelosia, mi aiuta, insomma.....non posso proprio lamentar i.
    Sicuramente se migliori la "vita" del nuovo arrivato....se è più sereno lo sarai anche tu e di conseguenza anche la grande.
    Tieni duro!!!

    RispondiElimina
  9. I primi mesi sono i più difficili, io ho rischiato il tracollo. Come mamme siamo molto impegnate fisicamente con l'allattamento e mentalmente con il primo figlio. E' un mix micidiale, che però scompare nel giro di qualche mese. Per me il periodo più buio è stato a tre settimane dalla nascita, quando ha cominciato a gattonare e poi a camminare. Giulia era ingestibile, non mangiava, dormiva male ed era sempre inquieta. Poi è diventata scontrosa e dispettosa. Adesso che Aurora ha 17 mesi le cose vanno alla grande, anzi giocano insieme e si vogliono molto bene. Per me il segreto è stato mio marito: un sostegno impagabile, copriva e copre ogni mia debolezza.
    L'unico consiglio, se posso, che mi sento di darti è quello di mettere le bimbe ognuna nel proprio letto, nella stessa stanza e di dedicare tempo alla grande, tempo di qualità, privo di nervosismi e pieno di comprensione per la sua gelosia. Lasciagliela vivere la gelosia, è salutare, ma tieni ben fermo il tuo modello educativo nei suoi confronti. I bimbi si confondono, hanno bisogno di punti fermi. Un conto è la sua gelosia, un'altro i suoi capricci(se ci sono, ovvio). Un bacio, Adry.

    RispondiElimina
  10. ciao, arrivo da "il mondo che vorrei". complimenti per il tuo blog. ho scritto anche io un post sull'argomento un paio d'anni fa. se ti va passa a leggerlo. http://www.mammamedico.it/psicologia/nuovi-arrivati-geloso-della-sorellina-del-fratellino/
    io però devo dire che sono stata avvantaggiata perchè la mia piccola era un angelo. ogni tanto credevo fosse finta e per almeno i primi 6 mesi era come se non ci fosse. i problemi sono iniziati dopo i 2 anni ma al contrario. a casa nostra è lei ad essere gelosa del fratellone; è lei a fare i dispetti, a pretendere tutte le mie attenzioni. ma questa è un'altra storia...

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.