martedì 4 settembre 2012

stato confusionale da 35esima settimana

ho appena letto che è normale, la psiche è in panne, i pensieri si susseguono alla velocità della luce, vorresti che tutte le tue decisioni fossero quelle giuste ma non sai se sarà così.
e ti ritrovi a mettere in discussione l'ospedale dove partorirai perchè con i tagli non è più certo che in caso di necessità ci siano posti in neonatologia...e tu che l'avevi scelto proprio per quello.
tanto vale spostarsi a soli 10 km da casa che se va tutto bene è bene, sono vicina e mi sento un pò a casa, se qualcosa non va bisogna comunque cercare un posto libero in un reparto di neonatologia della regione.
e poi c'è l'amica che ti racconta del suo meraviglioso parto in epidurale, in una clinica privata convenzionata sempre a 50 km da casa, è una meraviglia. l'idillio.
e poi ci sei tu che i dolori li conosci, forse non li ricordi più (o fai finta) e ti dici ma perchè devo soffrire? e cerchi di ricordare tutto ciò che hai letto su i contro dell'epidurale ma gli occhi sereni di quella mamma ti convincono che vorresti che ad un tuo cenno l'analgesico fosse a tua disposizione e non un terno al lotto sulla disponibilità dell'anestesista.
e poi ci sono le ansie di una bimba che cresce piccolina, perchè una gravidanza è così tanto medicalizzata che sanno come mandarti in tilt.
e poi c'è la mia grande che sta vivendo tutto e si vede, percepisce ciò che accade e che ieri dopo averla preparata alla mia assenza (ricovero che poi non c'è più stato per mancanza di posti) ti coccola, ti abbraccia e con tono sommesso e sofferente ti dice "mamma io non ti voglio perdere"

ecco sono nel nono mese e questo sì è come lo ricordavo della prima...confusione, stanchezza, paura....
e io non vedo l'ora che sia Natale.


7 commenti:

  1. come ti capisco! io sono a 37 settimane e ho un sacco di dubbi! In più la mia bimba è piccola, e non so quanto capirà quello che succederà..

    RispondiElimina
  2. Ti abbraccio forte forte, nel frattempo, se ti va, leggi qui

    http://vorreiesseremamma.blogspot.it/2012/09/io-sono-arrivato-cosi.html.

    RispondiElimina
  3. é vero é proprio cosí! testa in tilt e paura, ma ora io che ho la pancia vuota (quindi piú distaccata?) lo rifarei altre mille volte!!!

    RispondiElimina
  4. Cara Simply, sono pensieri normali, se posso darti un consiglio non lasciarti influenzare da questi dubbi e continua sulla linea che hai scelto - e ponderato - a mente lucida.
    Sii serena il più possibile, per te stessa e per le tue due splendide e sanissime principesse!

    Ah, ti confesso una cosa: se dovessi avere una terza gravidanza, mi rifiuterei di fare tutti quegli esami e mi farei seguire da un'ostetrica.

    RispondiElimina
  5. a me mancano 15 giorni e come ti capisco...la mia bambina ha 5 anni e 1/2 e siccome so a cosa andrò incontro sono spaventatissima.Reduce da un parto indotto vorrei che questo cominciasse naturalmente e magari anche qualche giorno prima per evitare i continui avanti e indietro per i vari tracciati,i possibili scollamenti.tanto ormai mi sono convinta che deve uscire così e allora ...ma help me!

    RispondiElimina
  6. Eh be sono le ansie di tutte le mamme. Ti capisco ricordo quando aspettavo le mie gemelline e quando mi hanno detto che mi aspettava un parto indotto e naturale, ma con il tempo nonostante è stato un parto un pò brutto , guardando i suoi occhietti tutto passa, un abbraccio

    RispondiElimina
  7. credo che sia normale avere dubbi e paure..io inizio a crearmeli già ora che sono a quasi 29 settimane.
    dell'altra gravidanza ricordo, che ridere, che alla 37 sett. mi mettevo a saltellare la sera sperando che accadesse il miracolo del travaglio.. mi se ero scema!! (7 anni di maturità di meno si sentono!) ora? ora la vivo on più calma, con qualche ansia in più ma come l'altra volta il pargolo dovrò farlo io.. quindi pensieri positivi per tutte!!!!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.