venerdì 14 settembre 2012

passa e questa volta lo sai

questa è la vera differenza.
quando in ospedale le ore sembrano eterne i tracciati non finiscono mai le sensazioni sembrano immobili sai che rispetto alla primipara hai una marcia in più: sai che passa, sai qual è la direzione, sai cosa c'è dopo il salto e sai che anche le nottate, l'allattamento, i pianti, le coliche, non dureranno all'infinito....passano e alla vigilia dei 4 anni della cucciola posso dire che passano pure in fretta.

ma non mi basta, non mi basta per essere sicura, positiva, entusiasta....il nono mese credo sia il peggiore in assoluto di una gravidanza....ferma ad aspettare, sperando che non accada troppo presto, sperando che non accada troppo tardi, sperando di non soffrire troppo, con la differenza che quei dolori questa volta li riconoscerai e speri che questo ti renda più forte o forse ne avrai paura ancora prima.

perchè credo sia impossibile non avere paura del parto, essere in preda di una forza quasi sovrannaturale che sai che dovrai gestire e non subire, che dovrai dominare e guidare verso una nuova vita.
e i dubbi ti assalgono anche se dovesse tutto rivoltarsi verso un cesareo. e vorresti prevedere tutto, sapere tutto sperando che ci sia spazio nel tuo ospedale per una nascita all'insegna della dolcezza e della naturalezza.
perchè quei due giorni in ospedale ti son bastati per capire che la sanità in questa regione è in ginocchio ed essere ricoverate in sala travaglio per mancanza di posto non è la cosa più bella del mondo, mamme che hanno visto il loro bambino 24 ore dopo il parto sempre per mancanza di posto mi fa rigirare lo stomaco. e io mi auguro che a me non accada e immagino le scuse, le pretese e già mi vedo su una sedia nel corridoio con mia figlia in braccio pur di recuperare in fretta il distacco del parto.

sono una nuova mamma oggi, molto più esigente, molto più "maternamente acculturata" e sottigliezze che la sanità sembra trascurare per me sono prioritarie pur cercando la sicurezza di un ospedale ben attrezzato.

e poi sono stanca, perchè non dormo, perchè non riesco a muovermi se non con goffaggine e col rischio di blocchi muscolari per la pressione che avverto in basso, vorrei avere tanta energia e invece mi ritrovo ferma nonostante i soli 8 kg in più.

e l'umore cala, quell'umore che solo fino a 2-3 settimane fa sembrava alle stelle ora è a picco, perchè non lo sai, sai solo che sei stanca fisicamente e mentalmente e avverti anche la responsabilità del tuo stato d'animo sulla piccolina in grembo e ti chiedi se passerà i suoi primi mesi a piangere per colpa del tuo muso lungo.

insomma lo so è una fase, ma forse la più difficile, so che passa e passerà e per ora non resta che aspettare.


18 commenti:

  1. si è vero, passerà, ma non per questo ora non devi darti la possibilità di tirare fuori tutte le tue paure, dubbi, speranze... tira fuori tutto cara, solo questo lo renderà più leggero...
    non preoccuparti, la tua bimba non piangerà per il tuo muso... anzi... avrà probabilmente una mamma più presente a se stessa, alle sue sensazioni, ai suoi desideri e bisogni...
    stai serena per quanto ti è possibile... l'ultimo mese è quello più carico di attesa... cerca di sfruttarla in modo costruttivo, anche se il morale scende e la forza è poca... pensa positivo!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. In bocca al lupo, ti capisco... ho partorito il 7 agosto e le ultime settimane ero davvero nera di umore e piena di paure. Ma oggi so che era una fase fisiologica, per cui tiralo fuori e non ti sentire in colpa. E' naturale, mi spaventeresti se fosti un'esaltata dei dolori del parto...

    RispondiElimina
  3. Non credo che centri molto il fatto del primo o secondo parto, ogni gravidanza è unica, è la "prima" e tutto si ripresenta come se non fosse stato mai vissuto....in realtà sto parlando, senza cognizione di causa, perchè di bimbi ne ho uno solo, ma nel caso, dovessi fare il bis, è così che me la immagino...e poi si passerà e lo farà molto presto!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione infatti delle volte mi sembra di non ricordare nulla

      Elimina
  4. In bocca al lupo, di cuore. Con la comprensione sincera di una che sta per vivere esattamente la stessa situazione... torna presto a farmi leggere che è andato tutto bene e infondermi fiducia!
    Quanto ai dolori del parto...io mi iscrivo alla squadra di quelle che, proprio essendoci già passate, ne hanno più paura di prima! Mi dirai...

    RispondiElimina
  5. Alla fine della gravidanza l'augurio che mi facevano era "In sella all'istrice": mooolto significativo!
    Il mio consiglio e "concentrati". Penso che spesso in questi casi l'umore nero derivi dalle distrazioni (in senso buono eh!), mentre noi invece vorremmo essere coinvolte solo da quel nuovo esserino che sta per arrivare, che è parte di noi ma anche no.
    Purtroppo gli ospedali sono un terno al lotto: ma dopo che avrai visto i suoi occhi per la prima volta, tutto quello che sarà intorno a voi conterà meno.
    Un abbraccio virtuale conta poco, ma ti penso davvero :D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo conoscevo questo detto :-D

      Elimina
  6. Ohi..non lasciarti andare proprio adesso. Tutto andrà bene, tu sai già cosa ti aspetta...nulla andrà male e sarai coraggiosissima e piena di energia...Lo devi a te stessa!!
    Bye

    RispondiElimina
  7. Come condivido questo post. Queste ultime settimane per me sono un vero strazio. Quanto vorrei affrontarle con più serenità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è facile ma dobbiamo farcela. un abbraccio

      Elimina
  8. Non ti avvilire vedrai che fra poco verranno tempi migliori, un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Mi son commossa, lo devo ammettere. é bellissimo quello che scrivi. erto vien la voglia di incoraggiarti, ma alla fin fine credo che siano importantissimi questi momenti che stai vivendo, che poi son quelli che ti portano in un'altra dimensione, quella che si avvicina al mistero della nascita. Sei sulla buona strada socia! Certo hai anche centrato un punto importante: sapere di essere in preda ad una forza sovrumana e che forse, il contesto ospedaliero, non ti consentirà di cavalcare come succederebbe in natura. Questa contraddizione fa soffrire, ma qs consapevolezza è davvero preziosa e credo che ti aiuterà quando partorirai. un bacio

    RispondiElimina
  10. Ti capisco... e mi rivedo in tutto quel che dici...
    è vero che passa, ma mentre ci stai dentro sembra non passare mai...
    ti sono vicina e ti faccio un mega in bocca al lupo!

    PS: secondo me, si possono anche partorire 10 figli, la paura del parto rimane sempre la stessa!

    RispondiElimina
  11. Mamma mia! Paro paro la mia seconda gravidanza...l'ultimo mese non passa mai, però io effettivamente di energie ne avevo da vendere, fino al giorno prima del parto. Forse è per questo che il secondo parto per me è stato faticosissimo, non come tempi(io sono una spara figli), ma come energie mentali e fisiche. A volte mi chiede se sarebbe stato diverso riposandomi un po' di più prima: ma con Giulia piccola come avrei potuto? Me la sono tenuta in collo fino al giorno prima(14 chili....). Facciamo il tifo per te.baci.

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.