giovedì 17 maggio 2012

crisi isteriche

ultimamente la mia cucciola è sempre più in preda di vere e proprie crisi isteriche, a cui non ero abituata, in realtà non è mai stata una bambina capricciosa.
sappiamo bene da dove derivano questi momenti di pieno caos in cui alla fine saltano le staffe sia a me che a specialpapi e le lettrici più assidue di questo blog non avranno problemi ad indovinare......
il problema è sempre uno: il sonno o meglio il suo rifiuto del sonno.
ultimamente non riesco proprio a gestirlo.
il fatto è che la scuola ha complicato le cose perchè lei si stanca tantissimo.....e cosa fa una bimba amplificata quando si stanca tantissimo? mica crolla o si addormenta: letteralmente sclera, esce da scuola che è un biglia impazzita, che cerco di calmare in tutti i modi possibili e immaginabili e non appena le dico "facciamo il riposino" la situazione degenera in urla strazianti come se stesse subendo la violenza più grave del mondo.

ho capito la sua necessità. una volta tornata a casa lei vorrebbe godersi le sue cose e odia questa forzatura alla nanna. spesso la assecondo facendola andare a dormire alle 20 e 30 (con tanta fatica perchè comunque dalle 16 alle 20 la strada è in salita).
saltare il pisolino sembra la scelta migliore. il punto è che non riesco a farlo sempre.

stamattina, per esempio, alle 6 e 45 era già in piedi e non avete idea in che condizioni psichiche e fisiche l'ho ripresa dall'asilo. stanca e isterica.
ho dovuto farla dormire. per più di un quarto d'ora ha pianto disperata urlando: IO NON VOGLIO DORMIREEEEEE!!!!
finchè non è crollata.

tutto ciò capita spesso e io mi sento così fragile e frustrata per non essere riuscita in 3 anni e mezzo a farle accettare che gli esseri umani hanno bisogno di dormire.

7 commenti:

  1. Io leggo e mi sento sprofondare nel passato...
    In effetti, passati i tre anni, io mi ero arresa alla mancanza di pisolino: se c'era spontaneamente, bene, altrimenti a letto presto la sera. Certo, dalle 16 alle 20 è una salita e si rischia l'addormentamento alle 19 senza cena... E' il momento di transizione: tra poco tirerà fino alle 20,30/21 senza essere così distrutta e dopo cena scenderà la pace per tutti.
    Se può consolarti, come hai visto dal mio stato su fb di oggi, poi si dimentica o comunque ci si riabitua a dormire (no, dimenticare no, però per fortuna sembra molto lontano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè sì cara silvia le tue parole mi consolano e non ci crederai ma quando sono in questa situazione davvero vi penso sempre. prendo alla lettera le tue parole e d'ora in poi mi ripeterò,prima di perdere le staffe, "siamo in transizione, sta per passare" com'è dura però ;-)

      Elimina
  2. Ciao, capito qui da un'amica! Hai mai provato a portarla da un osteopata? Il figlio di una mia amica aveva gli stessi "problemi" della tua bimba, era un bambino amplificato anche lui e con un ciclo di trattamenti ha risolto il problema, niente più agitazione, sonni filati e attenzione a scuola. In particolare secondo l'osteopata il suo problema era dovuto ai problemi che aveva avuto al momento del parto con il cordone intorno al collo. Non so, ti dico quello che mi hanno detto e mi sembrava utile fartelo sapere :) : Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Simona, mi hai dato un indizio che non avevo mai preso in considerazione.

      Elimina
  3. Anche per noi il sonno è stato un tasto particolarmente dolente. Ora le cose fanno meglio, ma fino allo scorso anno era un disastro. Comunque è verissimo, più sono stanchi più non vogliono abbandonarsi fra le braccia di Morfeo. Io comunque sto notando che un sonnellino pomeridiano di un'oretta rende sia il pomeriggio più sereno che l'addormentamento serale meno impegnativo in termini di tempo speso a leggere fiabe, cantare ninne-nanne e contare pecorelle.
    mammasidiventa.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  4. E' uguale!! ora non va a scuola e continua a oltranza dalla mattina fino a sera, quando andava a scuola tornava a casa con un diavolo per capello..ti sono vicina!

    RispondiElimina
  5. e' uguale, ora va avanti a oltranza..ma quando andava a scuola tornava con un diavolo per capello!!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.