venerdì 13 aprile 2012

la fatica di capirmi

si, in realtà non capisco i miei stati d'animo, sono così automatici, stabiliti quasi a priori non so da chi o da cosa o da quale neurone del mio cervello.
qualcuno prova a dare una definizione o meglio una interpretazione, e forse c'ha ragione, e forse è così.
uno strumento di difesa, una roccaforte che mi sono immediatamente costruita e in cui sto benissimo.
vorrei dare una definizione al mio agire, ma non la trovo.
il mio silenzio....questo rimandare a non so quando una notizia che va data...ma temporeggio..."dici che avvisiamo tutti dicendo E'nato/a?" e il bello che in quei tutti ci sono persone vicinissime che ancora ne sono all'oscuro.
ma mi costa così tanto fare quel passo, forse temo di credere alla realtà?
non lo so, e continuo a prendermi cura di un segreto, di qualcosa che c'è ma ancora non si vede, di qualcosa che già proteggo con tutta me stessa ma che non riesco a comunicare al mondo.
per tutelare chi? cosa? forse semplicemente me...quella me che va con i piedi di piombo, che attende l'evolversi della situazione, quella me per cui la scelta di una confezione-convenienza da 3 mesi di integratore la manda in crisi....come quel libro restituito ad una amica "la gelosia tra fratelli"...con le lacrime agli occhi...come quella famosa crema smagliature portata indietro assieme ad una confezione di acido folico.
non mi servivano più.
gesti che non si dimenticano, gesti che non vuoi ripetere, come il dolore e la sconfitta che c'era dietro ad ognuno di essi...
ero andata troppo avanti...e il destino mi ha beffato. ora invece sono immobile, o meglio mi muovo un giorno per volta e sto bene. tranquilla e serena.
gli altri con le loro domande, con la loro normale immagine della realtà mi porterebbero troppo lontano dalla mia sicura riva....
...e ancora non sono pronta per nuotare, ancora non sono pronta per osservare con convinzione l'orizzonte.

13 commenti:

  1. Simply, prenditi i tuoi tempi! non farti problemi per gli altri!
    ne parlerai quando sarai pronta. capirai tu quando è il momento ...

    ops ... che maleducata ... CONGRATULAZIONI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    sono felicissima per te, per voi!

    :-)))

    un bacione e un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che non ho capito quando sarò pronta! non ti nascondo che sarà alla sua nascita ahah!

      Elimina
  2. ciao, credo che in questo momento sia più importante per te continuare a vivere queste sensazioni con la serenità e la calma che descrivi. Tutto il resto può attendere e verrà da sé. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che verrà da se...perchè sto così bene senza dirlo che me la tirerei fino al nono mese: pancia permettendo ;-)

      Elimina
  3. 'tutelare chi?'
    te stessa???
    in questo momento pensare solamente a te è la cosa più giusta da fare
    e poi la tua salute psicofisica è importante 4 volte... per te, per il piccino, per tuo marito e per la cucciola
    sii egoista... è tuo diritto!

    RispondiElimina
  4. Quanto sei tenera...leggerti mi fa venire i brividi e io credo che tu debba solo seguire cosa ti fa star bene, non sei ancora pronta a dirlo? non farlo, pensa a te, all'esserino che si sta facendo strada dentro di te e non pensare troppo a cosa "dovresti" fare...non devi fare niente, solo ascoltarti...ti abbraccio forte cara Simply...sei dolcissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mammola....il fatto è che ancora non lo sa nemmeno mia suocera, sono nel quarto mese e mio marito preme ma io temporeggio...ho ancora bisogno di tempo. un abbraccio

      Elimina
  5. mi commuove il tuo modo di reagire! Ti abbraccio, sono tanto felice per voi :-)

    RispondiElimina
  6. ti capisco, prenditi il tuo tempo.....Congratulazioni!!!!

    RispondiElimina
  7. congratulazionisssssssssime!!!!!

    RispondiElimina
  8. Penso che si un momento tuo, vostro, chi se ne frega di dirlo agli altri. Io feci come te, l'istinto di protezione e la paura fanno da padrone, ma non dobbiamo sempre dare spiegazioni a tutti, custodisci il tuo segreto fino a quando non avrai voglia di gridarlo al mondo. Ti faccio le mie congratulazioni, con la speranza che la paura lasci spazio alla gioia. Ti capisco e proprio in questi giorni ho parlato di questo argomento così doloroso, perchè è successo a mia cugina.....: http://lamiadolcebambina.blogspot.it/2012/04/angioletto.html

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.