mercoledì 15 febbraio 2012

musica e yoga: un binomio importante



immagine presa da qui

Quando una mia amica blogger mi ha chiesto di scrivere un post su cosa ne penso dell’utilizzo di alcune musiche nelle pratiche yoga ci ho pensato attentamente prima di buttare giù le mie idee.
Ho frequentato per un po’ di tempo un corso di yoga, non sono un’esperta ma conosco perfettamente le sensazioni che anche una sola lezione di questa disciplina suscita in chi la pratica. La mia maestra utilizza delle musiche indiane per favorire il rilassamento e la concentrazione e questo mi era sembrato così naturale che non mi ero posta minimamente il problema di un utilizzo di generi musicali diversi. Le scale musicali indiane, i gong, i suoni lunghi, le voci calde e basse che intonano dei suoni così profondi da scendere nel profondo della nostra anima sembrano essere il massimo. Ma se si volesse variare cosa si può utilizzare?

continua a leggere su iltempodellacrisalide

2 commenti:

  1. grazie ancora! io, quando vuoi, un altro post collaborativo lo accolgo con tanto piacere!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.