lunedì 12 dicembre 2011

terrible three

sono giorni un pò difficili, un pò contorti, niente di grave se non la routine che è sempre un salto ad ostacoli, che non conosce l'inizio e la fine delle giornate, che non ha niente a che vedere con ritmi biologici e circadiani. 
ormai credo che il mio fisico non subirebbe nessun jet-lag se me ne andassi dall'altra parte del mondo. ormai il mio è un cambio di fuso orario costante...un giorno sono a Tokio, un altro a Los Angeles e un'altro al polo nord con la difficoltà di capire persino che stagione è. se domani è estate o inverno per me è lo stesso.



insomma certi momenti mi sembra di sopravvivere semplicemente alla palpebra che si chiude che anche se sono le 2 di notte qualcuno (indovinate chi?) ti dice che non è momento di dormire.
e ho bisogno essenzialmente di quello...di dormire...è in cima alla lista. ne abbiamo bisogno tutti e tre.
ho bisogno di svegliarmi riposata
ho bisogno di sentirmi piena di energia
ho bisogno di sapere che se una cosa la penso la posso fare.  
ormai vivo in uno stato teorico della mia vita nella quale il semplice agire quotidiano implica mille barriere da scavalcare. qualsiasi azione da compiere è giocare a guardia e ladri.
e sono giornate (e nottate) di naso chiuso, di febbre, di tosse, di capricci, di terrible three, di crisi pre pre pre adolescenziali (che non voglio immaginare quando avrà 13 anni cosa mi aspetta).
e perdo la calma e non riesco ad usare un approccio diverso da urla e nervosismo. ecco, quando lei mostra il suo lato peggiore io mostro il mio. infangando tutta l'idea di educazione che ho intenzione di portare avanti.
ma c'è una parte di me che ormai reclama a voce alta, c'è una parte di me che sa che son tre anni che l'ho dimenticata. non ne ho il tempo.

io ho bisogno di un pò di me
ho bisogno di iniziare e terminare un'azione senza tremila MAMMA! in mezzo.

ho bisogno di un pò di noi, come coppia

ho bisogno di un pò di tempo tutto mio e di un pò di testa sgombra
ho bisogno di sentirmi giovane e viva che spesso mi sento vecchia e finita.

ho bisogno di questo blog, di avere il tempo di scriverci, di avere il tempo di pensare cosa scriverci.
ho bisogno del Natale, di emozionarmi perchè è quasi Natale, ho bisogno di sentire che quella festa che tanto amavo è a qualche giorno da noi.

come è difficile crescere i figli!

12 commenti:

  1. Mi dispiace tanto Simply e so che le mie parole non possono certo essere d'aiuto. Perchè non provi ad invitare qualche amichetta con la mamma così tu fai due chiacchiere da adulto ad adulto e magari la tua bimba divertendosi con l'altra ti lascia un pò di respiro oppure perchè non vi prendete una giornata tutta per te e tuo marito, a volte basta poco per rifiatare o magari no però una pausetta fa sempre bene! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Hai bisogno d'aiuto.
    Hai bisogno di qualcuno che prenda ogni tanto la bambina e la porti a spasso.
    Hai bisogno di ritrovare i TUOI spazi.
    Ed hai giustamente bisogno di dormire (io ho ri-iniziato da poco a dormire e posso dire che la qualità della vita, se non si dorme, peggiora drasticamente).
    Forza, devi chiedere e pretendere un po' aiuto dalle persone a te più vicine.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. difficile, difficilissimo, hai ragione... ma meraviglioso!
    Cerca di trovare un po' di tempo per te.. e vedrai che tornerai ad apprezzare il lato bello dell'essere MAMMAAAAAAAA...

    RispondiElimina
  4. sono d'accordo con le altre, anche se è difficile hai bisogno di un paio d'ore tutte tue, magari puoi chiedere ai nonni, o a qualche amica...non puoi sempre fare tutto tu, soprattutto con la stanchezza che hai dietro...ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
  5. mi dispiace la conosco bene la stanchezza che ti assale , la pupa che ti tampina anche noi siamo nei terribili 3 a patto che esistano abbiamo la mammite acuta e rimaniamo anche per ore incollate a mammina!Chiedi aiuto prima di impazzire alle amiche , al marito , ai nonni insomma casomai meglio qualche ora al baby-parking che una mamma ammalata!

    RispondiElimina
  6. ti capisco... oohhh come ti capisco!!...
    ma hanno ragione le altre: fatti aiutare!... un pomeriggio falla prendere da scuola da tua madre/suocera... anche se devi ingoiare il rospo, ti farà bene...
    io oggi ho fatto così... avevo bisogno di tirare il fiato... serve, eccome!

    RispondiElimina
  7. Anche io vorrei fuggire. L'unica persona a cui posso appoggiarmi è la mia mamma che tieni i miei figli quando escono da scuola fino a quando io non esco dal lavoro. Non so neanche più cos'è NOI, non me la sento di scaricarli di nuovo a mia madre per stare un po' sola con papi e così siamo sempre noi 4 a fare ciò che i piccoli tiranni comandano.
    Se tu puoi, ogni tanto affida la piccola a qualcuno e riprenditi. Io lo sogno da 7 anni e non ne posso piu!

    RispondiElimina
  8. io non so ancora cosa vuol dire essere mamma,sono al nono mese di gravidanza e lo scoprirò tra poco.Io ero così come te fino a due anni fà e poi ad un tratto ho incominciato a dire NO.Sono diventata buddista ed ho capito una cosa essenziale:prima di ogni cosa esisto io con la mia felicità altrimenti come posso far stare felici gli altri a cui voglio bene????
    L'ambiente ti risponde per come sei.Riflettici.Un abbraccio teresa

    RispondiElimina
  9. il mestiere di mamma moglie è quello che ti prende tutto ma ti ripaga in pieno di tutti i sacrifici che si fanno ....guardala negli occhi e vedi il tuo e suo amore ..penso che questo ricompensa tutto il sacrificio che fai fate ....non ti lasciare abbattere dal tempo che manca perchè se manca per stare dietro ai propri figli è il tempo sprecato e più bello che possa esistere ....anche se a volte si vorrebbe mollare tutto e scappare ....ma dopo ...quando ti guardi indietro cosa pensi?....ti lascio una carezza che si virtuale ma data col cuore.......barbara

    RispondiElimina
  10. io lascerei la bimba a qualcuno (nonni, zii, baby sitter) per un weekend e me ne andrei a godermi il marito e un buon sonno...vedi poi la vita come cambia! in bocca al lupo

    ps sono al 5 mese di gravidanza, primo figlio, e leggere questo blog un po' mi terrorizza...scusa ma spero che mia figlia dormira' la notte!

    RispondiElimina
  11. cara simply, mi aggiungo al tuo " com'è difficile crescere i figli "
    noi qualche volta lasciamo i figli dai nonni, anche a dormire ma siamo strssatissimi lo stesso...io ho passato la fase terrible 3, la 4, la 5, la 6 e ora sono alla terribile 7! cioè ci sono ancora dentro.
    E' dura! certo che se non dormi è dura il doppio!! ti abbraccio

    RispondiElimina
  12. @tutte rispondo ai vostri commenti in ritardo. ieri ovviamente è stata una giornataccia. vedo che non sono sola è che di quel tempo ne abbiamo bisogno tutte. ma delle volte è così difficile chiederlo.
    @teresa mi ha colpito il tuo commento, da poco ho iniziato a fare yoga e lo sento davvero come un bisogno. le esperienza di chi trova la via giusta per se stessi sono importanti per farci credere che si può ancora migliorare
    @ foreverme quello che dici è indiscutibile ma ti assicuro che quando il tempo per se stessi è meno di zero c'è una parte di te che soffre e ha bisogno di riconquistarsi una piccola parte che inevitabilmente la maternità di porta via.
    @isa non dai non dirmi così, non voglio terrorizzare nessuno, noi siamo un caso disperato ;-) però il 90% dei bambini dopo l'anno dorme, quindi stai tranquilla e pensa che i primi mesi comunque sarà normale che qualche notte salti. io non sono la regola ma l'eccezione e me lo confermano tutte le mie amiche che hanno sempre dormito. coraggio :D
    @mammasorriso come al solito io e te ci capiamo perfettamente...semplicemente un abbraccio!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.