mercoledì 19 ottobre 2011

una mamma da psichiatria

in questi ultimi giorni la mia cucciola è stata a casa per influenza (tanto per cambiare)...notti insonni, fatica a respirare, ingestibilità, irritabilità tant'è che ieri avrei fatto carte false pur di avere qualche ora tutta per me, proprio non la sopportavo più.

oggi è rientrata all'asilo e ho deciso di affrontare l'ultimo step rimasto per completare l'inserimento: orario di uscita ore 16:00.
ecco fino alle 13 tutto andava bene...ho recuperato ben benino un pò dei miei spazi, casa, cucina, me.
dalle 13 (orario in cui l'ho presa da scuola fino a qualche giorno fa) in poi ho iniziato ad andare in agitazione...
il tempo non passava mai.
il pranzetto romantico tra me e specialpapi non ha avuto senso perchè entrambi parlavamo di lei e avevamo la mente su lei.
ho iniziato a vagare come un anima in pena per tutta la casa.
siamo usciti a prendere un caffè per ammazzare il tempo. 
niente l'orologio si è fermato.
alle 15 ero in astinenza totale, cucciolite acuta.
non ho resistito, mi sono presentata a scuola con un'ora d'anticipo.

lei tranquillissima, ma anche contenta di tornare a casa.
l'ho baciata, abbracciata, l'ho guardata con occhi innamorati, l'ho stretta forte a me, le ho sussurrato "quanto mi sei mancata!?" come se non ci vedessimo da una settimana. 
ho sentito la sensazione di volerla rimettere nella mia pancia...
ma sono normale?
dalla voglia incredibile di stare da sola alla'apnea totale perchè lei non c'è.
incoerenza pura
ma che ci fanno questi figli?

19 commenti:

  1. Io credo tu debba solo darti tempo: la sua tranquillità gioca a vostro favore. E' un importante cambiamento anche per te, una grossa novità per tutte e due (o meglio tutti e tre), ma sono convinta che non mancherà poco a cambiare "abitudini" e ad aver fiducia nel fatto che questo tempo è speso bene per tutti...

    RispondiElimina
  2. Con i figli è sempre così.
    Sono piezz'i core, una parte così grande di te che quando non ci sono ti senti come mutilata. Abituati!

    RispondiElimina
  3. ...tempo...e poi anche quelle ore vorresti fossero di più!!!!
    anche io la prima settimana avevo quel sentimento..poi....:)))

    RispondiElimina
  4. Dai, dai: durerà solo qualche giorno, poi inizierai a concentrarti sul tempo che hai a disposizione. Almeno credo, perché Matteo per il momento vado a riprenderlo alle 13.30, penso che quando inizieremo anche noi col tempo pieno i primi giorni starò malissimo anche io ma poi mi tranquillizzerò. A voler cercare una spiegazione mi viene in mente il senso di colpa per averla "abbandonata" e per poter finalmente tornare a riappropriarti del tuo tempo. Ah l'inconscio!

    RispondiElimina
  5. ci fanno vivere nella completa contraddizione di sentimenti!!...
    ce la possiamo fare!!

    RispondiElimina
  6. allora sono da psichiatra anche io! oggi non sono andata a prendere gnomo a scuola alle 16, è andato con la mamma di un amichetto a casa loro, e fino alle 18 che sono andata a prenderlo ho vagato per casa, dicendo quanto mi faceva strano non averlo in giro! :)
    ma comunque, ci si abitua! basta prendere le misure con i nuovi orari!

    RispondiElimina
  7. Continuo a ripetere che l'inserimento è più per noi genitori che non per i nostri cuccioli! Non è facile da un giorno all'altro non condividere più tempi e spazi. Ci si trova spiazzati e sembra che una parte di noi sia stata allontanata. Ma vedrai, è solo questione di tempo. Dicono che ci vogliono 20 giorni affinchè una pratica diventi abitudine...

    RispondiElimina
  8. Che bello! E' proprio vero, i figli quando ci sono li vorresti "scaricare" e quando li hai scaricati dopo un po'... ti mancano da morire! Del resto sono pezzi di noi, senza non siamo complete!

    RispondiElimina
  9. @tutte allora capita anche a voi? perchè alcune volte questa contraddizione mi sembra esagerata...

    RispondiElimina
  10. io impazzisco se o giulia mezza giornata a casa, ma poi dopo un giorno intero di asilo mi manca da morire e sì, la vorrei di nuovo nella pancia. Siamo delle inguaribili mamme.

    RispondiElimina
  11. Quanto ti capisco!!!
    Quello per i figli è un amore viscerale.
    Quando vado a prendere la mia bambina all'asilo ho il cuore in gola, come se dovessi incontrare il mio innamorato.
    C'è un detto che dice "ti stancano ma ti mancano".

    RispondiElimina
  12. @adry benvenuta. hai descritto esattamente quello che provo. non c'è via di mezzo.

    @mammatogata sai che non lo conoscevo questo detto?

    RispondiElimina
  13. io sono messa male! Mia figlia, sarà che è piccina, 10 mesi, non ce la faccio proprio a portarla all'asilo. Per ora sta con me, visto che non sto lavorando, e ci sono delle mattine che non mi fa fare assolutamente nulla ma le volte che la tiene il papà per farmi fare le faccende mi sembra di avrela abbandonata e vado sempre nella stanza dove sono loro per darle un bacetto!

    RispondiElimina
  14. @mammarori a 10 mesi è normalissimo che tu sia così anche io lo ero. poi pian piano sono loro che si allontanano da noi, sempre più autonomi, sempre più curiosi come giusto che sia ma il cuore di mamma......

    RispondiElimina
  15. A chi lo dici! Oggi io ho la febbre e sono in isolamento per non attaccarla ai cuccioli...ecco mi posso riposare, e per carità mi riposo pure però preferirei molto di più essere in forza e divertirmi con loro o uscire a fare una bella passeggiata con loro e mio marito :) !

    RispondiElimina
  16. @lacasettaselleidee benvenuta. è inutile non c'è via di mezzo :)

    RispondiElimina
  17. Uhh grazie di esserti fatta follower :) ! Appena faccio il blog roll ti inserisco così passo a ritrovarti!

    RispondiElimina
  18. Ecco un'altra incoerente all'appello: presente!
    Ps bello il detto di MammaTogata ;)

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.