giovedì 30 giugno 2011

ho bisogno di crederci




Questa notte ho fatto un sogno,
ho sognato che ho camminato sulla sabbia
accompagnato dal Signore
e sullo schermo della notte erano proiettati
tutti i giorni della mia vita. 

Ho guardato indietro e ho visto che
ad ogni giorno della mia vita,
apparivano due orme sulla sabbia:
una mia e una del Signore.

Così sono andato avanti, finché
tutti i miei giorni si esaurirono.

Allora mi fermai guardando indietro,
notando che in certi punti
c'era solo un'orma...
Questi posti coincidevano con i giorni
più difficili della mia vita;
i giorni di maggior angustia,
di maggiore paura e di maggior dolore.

Ho domandato, allora:
"Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me
in tutti i giorni della mia vita,
ed io ho accettato di vivere con te,
perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti
più difficili?".

Ed il Signore rispose:
"Figlio mio, Io ti amo e ti dissi che sarei stato
con te e che non ti avrei lasciato solo
neppure per un attimo:

i giorni in cui tu hai visto solo un'orma
sulla sabbia,
sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio".

~ Margaret Fishback Powers ~

10 commenti:

  1. Questo messaggio di tenerezza è stato appeso nella mia stanza per tanto tempo... Credici Simply... Credici davvero... Guarda tua figlia e non puoi non crederci! Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  2. La conoscevo questa splendida poesia.
    Ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
  3. Non hai bisogno di crederci perché È così! Fatti trasportare, abbandonati, in queste braccia, perché non sei sola....
    Anche noi abbiamo perso un bambino poco dopo essere arrivati negli States. Era tutto all'inizio, per fortuna, però le sensazioni sono state talmente forti che non ho voluto parlarne... quando succede capisci che in realtà tutte le paure che ti avevano sommerso al ricevere la notizia del nuovo arrivo le avevi già superate e che non pensavi di volergli così tanto bene.... Puoi contare sulla mia preghiera!

    RispondiElimina
  4. Sì, è così. Il dolore che provi è immenso, però non sei sola. PermettiGLI di prenderti in braccio.

    RispondiElimina
  5. ho conosciuto questi versi a Ssn Giovanni Rotondo, non era un bel momento...mio marito era ricoverato li in ospedale. in ciascun cc postale che fornivano per effettuare un versamento per la costruzione della nuova chiesa c'era allegato questo foglietto rosa antico...lo lessi, lo presi e poi in seguito effettuai un piccolo versamento e conservai la poesia...per anni l'ho tenuta addirittura sul frigo per non dimenticare...perchè quando il dolore è forte la fiducia si perde, non lo si fa per mancare di rispetto, non perchè il nostro credo non sia profondo, ma perchè il dolore acuto non ci fa più vedere ciò che abbiamo, ciò che abbiamo costruito, quante grazie abbiamo ricevuto, e quante volte il Cielo ci ha donato un vero motivo per sorridere...nei tuoi appunti purtroppo c'è anche questa esperienza...non so cosa significhi veramente perchè non l'ho mai vissuta, ma se mi fa stringere la gola il solo pensiero allora capisco che un po' riesco ad immedesimarmi...vedi...io credo che siamo mamme sin dai primi istanti che concepiamo i nostri figli e dunque voi due siete stati mamma e figlio e mai questo potrà cambiare...se non lo hai potuto mettere al mondo ciò non è dipeso da te ne da lui, ma dal fatto che ciascuna creatura ha la sua storia e la tua ha avuto una storia breve, ma l'amore che vi ha legato, che lui ha sentito, che tu hai provato e che proverai sarà eterno come quelo che lega da sempre una buona mamma come sei tu ad un figlio...e ne hai le prove con la Cucciola. Una volta mi dissero che il dolore non passa, ma si metabolizza... è vero, quindi piangi batti i pugni, urla...ma poniti dinnanzi un termine, fissa una data, un momento futuro il più prossimo possibile per poter ricominciare...ti abbraccio forte forte e credici perchè il Signore non so quante volte mi ha preso in braccio...ho le prove...un bacio...:)

    RispondiElimina
  6. questa è la mia esperienza...se ti può servire.
    http://unpostosoloperme-nena.blogspot.com/2011/05/un-dolore-che-non-si-dimentica.html

    RispondiElimina
  7. già... lascia che sia tua figlia a portarti in braccio in questi giorni...

    RispondiElimina
  8. non so cosa dire... io da quando è morta mia madre ho "litigato" un pò con la mia fede... ma so che c'è.. credo che, anche se doloroso, anche se difficile, quasi impossibile, da trovare ma c'è un perchè di tutto... un fine che a noi sembra ingiusto, maledetto, ma c'è e ci sarà svelato...
    abbi fiducia... sfoga tutto il tuo dolore, la tua rabbia...
    una persona mi disse che dobbiamo trovare il modo di "dire addio", dove addio non è dimenticare, ma la forza di ricominciare, di trovare un nuovo, all'inizio sicuramente scomodo, equilibrio... io ci sto provando... e lo auguro anche a te, a voi...
    ti abbraccio forte, fortissimo!... coraggio!...

    RispondiElimina
  9. non sei la sola a crederci....un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  10. Ho letto il post precedente settimane fa e non sono riuscita a commentare perchè temevo di dire cose scontate...Ti ho pensata xò!
    Credici con tutte le tue forze perchè per noi Lui c'è sempre; prega Lui di darti tutta la Forza necessaria e che sia sempre fatta la sua Volontà.
    1 abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.