sabato 19 marzo 2011

questione di sensibilità?

mi chiedo: ma è perchè da mamma si vede il pericolo anche dove non c'è o e perchè sono diventata fifona, ansiosa e chi più ne ha più ne metta?
non mi sarei mai vista, da mamma, a leggere anche 2-3 volte al giorno il sito dell'ansa per sapere avidamente cosa sta per accadere al mondo.
ho paura!
paura di un terremoto, di uno tsunami....o forse più realisticamente di una guerra...la Libia è qui alle porte...e lo so che non si può non difendere i diritti dell'uomo ma io non mi sento tranquilla....paura del nucleare...dell'uomo che non rispetta la natura...della natura che si ribella...
...paura delle profezie...di un 2012 che sta arrivando con dentro questa sindrome dell'apocalisse!!!
io non ci ho mai creduto e tuttora penso che il mondo ha un suo corso, l'umanità ha un suo corso che prima o poi finirà e di certo non ci è dato sapere quando...quando finirà a causa della natura che farà semplicemente il suo percorso....ma forse quando finirà a causa dell'uomo che dalla storia non ha imparato nulla, dall'inquinamento non ha imparato nulla, dai disastri precedenti...dalle guerre precedenti...nulla!
forse è quella la fine che fa più paura...quella che ti fa pensare che, se anche sei scampato ad uno tsunami, di certo non scamperai alle radiazioni delle centrali nucleari...monumento della presunzione umana.......

questi i miei pensieri, quelli di una mamma che, inevitabilmente, non sono uguali a quelli che facevo prima, da non-mamma. tutto è proiettati su di lei...vorrei prenderla e portarla in un'altro pianeta...perchè di questo e dei suoi abitanti comincio ad averne paura.
la parola guerra, che ogni tanto torna prepotentemente a riempire le nostre giornate e le nostre notti...torna a farci tremare, noi che fortunatamente la guerra l'abbiamo conosciuta solo dai libri e dai racconti della nonna. le parole di chi dice "ve ne pentirete!" si conficcano nel cuore, come una lama permeata di paura.
e pensi a tutte le volte che sui libri hai letto che "la situazione scivolò di mano, coinvolgendo paesi e paesi", pensi alle parole "scontro di civiltà" alle parole "bombe nucleari, armi chimiche e batteriologiche"....
....sono tremenda lo so...ma così è la mia testa...scivola nel baratro del pessimismo...pensando quello che non dovrebbe...il peggio!
forse è solo questione di sensibilità, insomma sono una che si fa condizionare da queste emozioni negative.
oggi però, a scuola non si parlava d'altro ed è stato ancora più destabilizzante scoprire che, se io non ho dormito perchè la cucciola non sta bene e si sveglia mille volte a notte, le mie colleghe non hanno dormito per l'ansia che questo nostro presente così incerto sta creando in tutti noi.

scusate, oggi festa del papà, il mio post avrebbe dovuto essere un'altro: con la foto del bigliettino che cucciola ha preparato per il suo amore o con la poesia che dolcemente gli ha dedicato....
....ma proprio non ce la faccio!

10 commenti:

  1. Ah come ti capisco: sono nove giorni che vivo in stato d'ansia, soprattutto per la centrale nucleare e sono sconcertata dal fatto che qui si continui a parlarne poco. Siamo preoccupati per il futuro dei nostri figli e se lo fossimo un po di più, forse riusciremmo a farci sentire ed ad ottenere qualche cambiamento. E' ora. Ciao

    RispondiElimina
  2. Ti capisco, è anche per questi motivi che il 12 giugno andrò a votare contro il nucleare in Italia e per l'acqua pubblica!

    RispondiElimina
  3. Concordo.....purtroppo la situazione mi pare critica anche se molti fan finta di non vedere....

    RispondiElimina
  4. In effetti pare anche a ma che non ci si stia rendendo conto a fondo del pericolo e dei danni che comunque si sono verificati; io non sono affatto convinta che la situazione stia volgendo al meglio. Aspettiamo e speriamo, intanto; ma poi iniziamo a muoverci.

    RispondiElimina
  5. Stasera mentre rincasavamo da noi c'è stato un temporale, tuoni fortissimi e lampi. ebbene io ho cominciato a pensare:"E se la terra comincia a tremare??? E se i palazzi crollano?"...una volta mi sarei solo affrettata a tornare a casa, ora, da quando sono mamma anche un semplice temporale mi fa paura, figurarsi quando penso alla Libia, al Giappone, agli attentati e alla fine del mondo. Ti capisco sai?...

    RispondiElimina
  6. Oh come ti sento vicina al mio sentire! Io ho l'ansia che mi fa tremare... la paura che mi toglie il fiato... Che da quando son diventata madre tutti i miei pensieri, le mie attenzioni sono rivolte al mio cucciolo, ai bambini, ai più indifesi... e vorrei anche io trovare un pianeta migliore per loro.. un posto dove farli sentire al sicuro, protetti... Prego.. preghiamo...

    RispondiElimina
  7. Condivido in pieno le tue ansie e le tue paure e anch'io, come te, prima di diventare mamma non ero assolutamente così "fifona". Ora tutti i miei pensieri sul presente ed il futuro sono pensati per lui, per quello che lo aspetta e tutti i timori si amplificano fino a diventare vere e proprie ansie. Spero solo di non trasmettere anche a Tia queste paure, spero di riuscire a nascondere tanto le mie preoccupazioni da farlo crescere positivo e pieno di coraggio, pronto ad affrontare le avversità che incontrerà sul suo cammino.

    RispondiElimina
  8. Avere paura credo che sia normale, de 'sti tempi, come si dice qui.
    L'importante è cercare di dare più serenità possibile ai nostri figli, e non farli vivere delle nostre ansia. Io oggi li ho portati a giocare fuori, e finchè sarà possibile eviterò loro i tg.

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo cor Rory. Cerchiamo di trasmettere ai nostri figli serenità. Loro lo "sentono". La nostra preoccupazione c'è, ma non fa bene avere quste ansie. Prima a noi,ma sopratutto a loro. Se mai dovesse accadere qualcosa di peggio avremo "tutto il tempo" per preoccuparci.:-)

    RispondiElimina
  10. Capisco le tue ansie, ma non si può vivere nella paura. Così ti rovini tutto..
    Cerca vivere il presente e il futuro sarà quel che deve essere.. tanto contro queste cose possiamo fare proprio poco!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.