martedì 15 marzo 2011

l'italia che è dentro di me

la mia supplenza è iniziata in piena organizzazione dell'anniversario dei centocinquantanni dell'unità d'Italia e vi assicuro che non ho mai cantato, ascoltato e diretto così tante volte il nostro Inno.
domani ci aspetta la manifestazione in centro, in piazza.
le terze che ho preparato canteranno l'inno accompagnati da una banda.
sono emozionata e spero che lo cantino bene, dopo tutte queste prove....
e intanto sento lo spirito patriottico impossessarmi di me, io che faccio parte di una generazione che l'ha trascurato...e penso all'Italia....al mio essere italiana...al mio esserne fiera....
noi grandi artisti....noi grandi sognatori...noi che non riusciamo ad essere un pò nazionalisti e che spesso non riusciamo a difendere tutto ciò che di buono abbiamo e produciamo ogni giorno....
moda, cucina, arte, musica, letteratura, artigianato, turismo...e chi più ne ha più ne metta!
sono contenta di essere italiana...
il direttore d'orchestra del concerto di capodanno 2011 ha detto:
"grazie all'Italia per la cultura che ha regalato al mondo!!!"
ed è bello quando a dircelo sono gli altri....

vi lascio con una versione classica dell'Inno di Mameli-Novaro...




una versione romantica di quella che è l'Italia che ho nel cuore...



e una versione di quanto la nostra italianità è comicamente contraddittoria....



buon 150esimo anniversario.........alla nostra Italia!!!

8 commenti:

  1. grazie per questo post, i 150 anni ci fanno riflettere sull'importanza di essere italiani, la storia ci insegna ed esserne consapevoli, impegnandoci ad essere uniti di che mai.

    Stasera, ho spiegato a Francesco il significato di questi 150 anni dell'unità d'Italia, abbiamo letto anche la storia in fumetti di Garibaldi, ha compreso l'importanza di queste persone così importanti per la nostra Italia.

    Buon lavoro, sono sicura che andrà tutto bene,
    un abbraccio,
    Amalia

    RispondiElimina
  2. e' vero a noi tutto si può dire tranne che non abbiamo cultura....

    anche se ci ricordiamo di esser patriottici soltanto nel periodo dei mondiali

    RispondiElimina
  3. i tuoi alunni saranno sicuramenti preparatissimi! che bello rientrare in un momento così particolare...baci

    RispondiElimina
  4. Bellissima esperienza la tua, proprio in questo momento storico, eh?
    In bocca al lupo per domani e mi raccomando, non ti emozionare troppo!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo questo post. Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Che bel lavoro! Proprio nel paese di Verdi, Bellini, Puccini, ma anche di Giovanni Allevi, ad esempio. A presto,ciao.

    RispondiElimina
  7. anch'io ho messo "buonanotte all'italia"...
    baci

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.