martedì 1 febbraio 2011

uno spannolinamento montessoriano:fase 2

“i bambini iniziano ad usare il vasino/wc quando sono pronti e non quando il loro genitori decidono di insegnarglielo “                                               (T. Seldin – I bambini hanno bisogno di fiducia)
se dovessi pensare al momento in cui ho iniziato lo spannolinamento della cucciola direi luglio/agosto all’età di 22 mesi.
se dovessi pensare a quando è terminato direi che ancora non lo è.
lo spannolinamento, volutamente e non solo, è per noi un  processo molto lungo e mi piace definirlo montessoriano. questo perchè il mio imperativo, anche in questo campo di crescita, è stato osservarla, starle vicino, aiutarla in questo delicato passaggio, attendendo con pazienza il momento in cui lei sarebbe stata pronta, senza mai forzarla.
non ho mai preso in considerazione coloro che mi dicevano “quando decidi, prendi e togli notte e giorno il pannolino e in 10 giorni di sacrifici è fatta” non ci ho mai creduto soprattutto valutando i rischi che spesso questo modo di fare comporta, tipo la stitichezza, facendo diventare lo spannolinamento un trauma che porta i bambini a trattenere, a rifutarsi di evacuare. ho un amica, a cui sono davvero grata per i suoi consigli, che solo ora, che il bimbo ha 5 anni, sembra stia venendo fuori da uno spannolinamento precoce e drastico che l’ha portata all’utilizzo continuo di clisteri e sciroppi traumatizzando ancora di più il piccolo che ha vissuto  tutto negativamente.
abbiamo abbandonato il pannolino di giorno a novembre (26 mesi) e, per la pipì, tranne qualche raro incidente, non ci sono mai stati problemi. il vero problema è stato la pupù. oggi è il secondo giorno che è riuscita a farla nel water con riduttore e che finalmente posso dire che stiamo procedendo in una situazione che mi sembrava in fase di stallo. i tempi per pipì e cacca sono diversi, alcuni riescono prima in una e poi nell’altra e in momenti completamente diversi. la cucciola, col pannolino, l’ha sempre fatta in piedi e penso che questo, oltre a una sua stitichezza, è stato il vero problema. si rifiutava di farla nel vasino, anche se la portavo al momento giusto, niente, le passava, proprio non ci riusciva. dopo poco si nascondeva dietro una sedia o una tenda, mi diceva “Mamma vai via!” e la faceva nelle mutandine (e in questo caso per fortuna che è stitica almeno non si è mai sporcata più di tanto).
io per timore di forzarla non l’ho mai sgridata ma ogni volta ho cercato di spiegarle con calma che anche la cacca si fa nel vasino.
ogni volta l’ho incoraggiata dicendole che la prossima volta l’avrebbe fatta lì.
sono passati 2 mesi e non vi nascondo che in molti momenti mi sono sentita scoraggiata, pensando che forse una posizione avrei dovuto prenderla e infatti una giorno mentre era dietro la sedia e si stava sforzando l’ho presa in braccio  e l’ho seduta sul vasino non curandomi dei suoi no, delle sue urla, del suo pianto disperato, e comunque non l’ha fatta.
no, non era quella la strada giusta e ho continuato a pazientare cercando di capire quale potesse essere il problema.
nell’ultima settimana ha iniziato ad avvisarmi, a sedersi sul vasino, senza riuscire a farla, sembrava stare scomoda e andava a finire comunque come al solito.
un giorno, grazie anche alle parole della mia amica, ho capito che quel “Mamma vai via” non è un capriccio ma una precisa esigenza, in quel momento vogliono stare da soli. anche psicologicamente la cacca non è così semplice come la pipì.
il problema è che se io la lasciavo sola in bagno (con dei libri o giochi) lei si alzava e mi seguiva e allora ho iniziato a stare lì facendo altro, lavarmi i denti, truccarmi, evitando di avere lo sguardo su di lei. ed è proprio così che c’è riuscita e non nel vasino ma nel water dove, a quanto pare, per la pupù è più comoda. insomma forse stiamo riuscendo a superare la fase 2 (cacca) e a primavera inizieremo la fase 3 ossia via pannolino di notte. insomma alla fine questo percorso è stato lungo mesi e mesi, ma la cucciola è serena e soddisfatta.
concludo con un altra citazione di Seldin
Imparare ad usare il wc è un processo naturale che inizia quando il desiderio infantile di essere grandi e lo sviluppo neurologico giungono al punto in cui il bambino riesce a controllare la vescica e l’intestino. 
non dobbiamo allenare i piccini all’utilizzo del water, bensì sostenerli quando sono pronti”

15 commenti:

  1. Condivido in pieno il tuo pensiero, è anche il mio ed è la mia filosofia di vita come mamma.
    Ho sempre accompagnato Filippo nei suoi progressi senza caricarlo di aspettative, senza forzarlo. E' stato così per lo spannolinamento diurno, ora per quello notturno e per il baby nuoto.

    RispondiElimina
  2. Secondo me non potevi avere un approccio migliore! Anche noi abbiamo avuto la fase relativamente semplice della pipì e quella un po' più complessa e lunga per la cacca, è vero a volte può essere avvilente ma tu osservando e conoscendo tua figlia hai capito e applicato il metodo migliore per lei. Brava lei, che sta facendo un gran bel passo avanti nella crescita, e bravissima tu che hai saputo conoscere e rispettare i tempi della tua cucciola!

    RispondiElimina
  3. pienamente d'accordo con te, sei stata molto paziente e brava! e vedo che le nostre figlie oltre ad essere coetanee si sono anche messe d'accordo sui tempi! dal 5 gennaio abbiamo tolto il pannolino sia per pipì che per cacca, per quest'ultima con qualche difficoltà ma sembra che ora ci siamo pienamente. Anche lei andava dietro la tenda e mi diceva di andarmene, stamattina si è messa sul vasino in bagno, ha voluto che uscissi e che chiudessi la porta, poi appena ha prodotto mi chiama per farmi "vedere bene"! ...fu così che arrivai in ritardo al lavoro di mezz'ora...

    RispondiElimina
  4. anche noi avevamo cominciato quest'estate. all'inizio andava male, poi ad agosto molto bene ma quando è tornata all'asilo è stato un disastro!!!
    allora ho deciso di stoppare tutto.
    ultimamente mi dice sempre quando sta facendo la pipì e so riconoscere perfettamente quando deve fare la cacca: dopo pranzo, quando si mette anche lei nascosta dietro una porta o dentro un armadio.
    cosí in questi giorni le chiedo se vuole farla in bagno e se la fa c'è il premio (degli adesivi). anch'io ho visto che devo lasciarla sola!
    un successone!
    solo che non abbiamo ancora preso ne vasino ne riduttore e lo scatolone con tutte le sue mutandine deve ancora arrivare quindi non mi avventuro nel togliergli il pannolino per ora. ma credo che succederà presto.
    non so come andrà a finire ma penso che si debba essere capaci di leggere e interpretare i segni ed essere decise a mollare se le cose nn vanno. vedrai che sarà un successone per tutte noi!!!

    RispondiElimina
  5. Anche noi abbiamo iniziato lo spannolinamento quest'estate: a 21 mesi, e la fortuna (perchè secondo me di fortuna si tratta) ha voluto che nel giro di 10 giorno il tutto finisse in bellezza, giorno e notte.
    Ci sono voluti 2 vasini (perchè il primo non era di suo gradimento)e tanta pazienza, ma ci siamo riusciti e adesso siamo finalmente al water.
    Come hai detto tu ogni bimbo è diverso: noi abbiamo avuto qualche problema per la pipì, mentre per la pupù è stato semplicissimo, unico problemino e che mammina ancora oggi si deve accomodare davanti al water per fare compagnia al piccolo e alle sue puzze!!!!!
    Per la pipì invece gli incidenti sono frequenti, soprattutto da quando è cominciato l'asilo...ma cerchiamo di resistere e superare con calma e pazienza anche questa fase..

    RispondiElimina
  6. io son d'accordo con tutta la linea e la filosofia e mi riconosco anche nei momenti di scoraggiamento in cui le attese sembrano irreversibili (è il leit motiv della mia maternità) a cui però bisogna avere la forza e la determinazione di non cedere!

    riguardo lo spannolinamento voglio scrivere un post anch'io, ma son proprio d'accordo che dobbiamo sostenere più che insegnare. è il quid dell'educazione, del tirare fuori, perché loro hanno già la propria personalità da rispettare e noi non possiamo far altro che accompagnarli nella scoperta di sé!

    devo leggere il libro che hai citato, io al momento sono alle prese con bettelheim... mattone, ma stupendo!

    RispondiElimina
  7. Ciao! rispondo qui al tuo commento sulla nikon. io ci sto' ancora prendendo confidenza ma... la consiglio vivamente. mi sembra un ottimo punto di partenza. io ho preso ( per ora) l'obiettivo in dotazione. allora aspetto di vedere i tuoi nuovi scatti!! ;-))

    RispondiElimina
  8. cara Simply, proprio in questi giorni penso di poter dire definitavmente addio al pannolino...almeno di giorno! finalmente il mio piccolino ha imparato a fare la pupù nel water...è stata dura ma lo abbiamo assecondato e ora ci mostra con orgoglio la sua bravura!?!
    baci

    RispondiElimina
  9. Tu non sai quanto mi sono utili queste tue parole!

    RispondiElimina
  10. Grazie per aver raccontato la tua esperienza!

    RispondiElimina
  11. Regalino per te:
    http://mammamogliedonna.blogspot.com/2011/02/sunshine-award-2011.html

    RispondiElimina
  12. Affronti un tema che in questo momento mi da' tanto pensiero...
    La mia Micro non e' ancora spannolinata, dato che anche io come te non voglio forzarla. Pero' ogni tanto ha fatto pipi' nel vasino, dai 26 mesi in poi, ed una volta perfino il grosso...! Ora sono nel pieno di un tentativo di raccogliere un campione di urina per verificare la presenza di un'infezione urinaria, dato che si e' lamentata in questi giorni. Ma e' un'impresa titanica!!!! La sto tenendo sveglia perche' nel momento in cui la metto nel pannolino sono sicura che viene qualcosa....devo prenderla per stanchezza! Ti e' mai capitata una situazione simile?
    Qui in Inghilterra sono per la linea dura, ovvero una settimana senza pannolino - di giorno - dicono sia il metodo giusto, ma non ho ancora ritenuto giusto seguirlo...! Mi fa piacere sapere che c'e' qualcuno che la pensa come me! Penso che le nostre cucciole abbiano i loro tempi, e non ritengo corretto forzarle troppo.... Anche se, in questo momento, sto quasi cedendo alla linea dura, e sono assalita dai dubbi!!!!!
    Fammi sapere come procede, che ho bisogno di sentirmi umanamente vicina a qualcuno!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  13. Noi abbiamo tolto il pannolino a Chichi che aveva già 3 anni compiuti e alla faccia di chi ci diceva che più aspettavamo peggio era, non abbiamo avuto grossi problemi...abbiamo cercato di non forzarlo e rispettare i suoi tempi (che come i miei, ed essendo mio figlio, sono molto lenti) e devo dire che poi nel giro di un mesetto ci siamo assestati sia su pipì che su pappa e in un niente l'abbiamo anche tolto di notte senza che lui abbia mai bagnato il letto (se escludiamo la notte in cui il mattimo dopo cominciava il suo primo giorno d'asilo...dall'emozione se l'è fatta addosso!!) . Ora abbiamo Henk, di mesi ne ha 26 ed è ancora pannolinato. Penso che con l'arrivo della primavera inizierò a provare a toglierlo e vedremo se entro settembre ce la faremo visto l'inizio della scuola materna anche per lui. In ogni caso, anche qui non voglio forzarlo...quando sarà pronto lo saremo insieme.
    Scusa per l'intrusione, visto che sono una new entry del mondo blog ma ho visto l'argomento, mi interessava e ho partecipato!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Primo sei coraggiosa ad iniziare questo percorso a novembre, io ho sempre aspettato la primavera, quando entrambe avevano superato i due anni. Poi sei brava a rispettare i suoi ritmi.
    Nella mia esperienza è stato utile, per la prima, rimanere li vicino a lei, a farle compagnia, per la seconda avere il riduttore.
    Poi quando facevano la pupù nel wc, facevo i salti di gioia, applaudivo, la salutavamo insomma le gratificavo parecchio. Poi ti consiglio un libro semplice ma bello s'intitola "chi me l'ha fatta in testa?",ai bambini piace come argomemto.

    RispondiElimina
  15. @tutte in questi giorni ci sto poco in rete e non sono riuscita a rispondervi come faccio di solito, ma vi leggo e vi ringrazio per gli ulteriori vostri suggerimenti. davvero spannolinare non è facile

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.