sabato 26 febbraio 2011

ecco la prof!

eccomi...ci sono stata in questi giorni, di sfuggita, sul mio blog, sui vostri blog...pur non avendo tempo non ho resistito ad accendere il pc per vedere che si diceva...grazie a tutte innanzitutto per gli auguri e gli "in bocca al lupo".
avevo bisogno di questa scossa, ed effettivamente sentirsi per qualche giorno mamma realizzata, lavoratrice e indipendente è una boccata d'ossigeno. in particolare proprio per il rapporto madre-figlia.
ultimamente, non lo nascondo, non ero paziente, mi arrabbiavo facilmente e pur stando sempre con la cucciola, controsenso, mi dedicavo davvero poco a lei. ero troppo presa dalle mie sensazioni negative, noia routine, insoddisfazione la facevano da padrone con tutte le conseguenze.
in questi giorni sto molto meglio, stanca, ma più forte, più serena. è bello scoprire che il lavoro per cui hai studiato ti piace tanto, con tutte le difficoltà ad esso connesse (i ragazzi non sono facili da gestire, per di più essendo supplente, poi le classi sono tante, ne giro 9, entra qui ed esci là, mi sento così disorientata...) però mi seguono...ed è una soddisfazione. 
mi piace insegnare, mi piace insegnare musica, mi piace vedere le loro facce sorprese, sbalordite, quando parli di Beethoven o di un orchestra o gli insegni a suonare o li fai cantare in coro...quelle facce che hanno sete di sapere che nonostante la passività di questa società, nonostante gli esempi negativi, provano soddisfazione nell'apprendimento, nel scoprire mondi nuovi. e in quel momento senti la responsabilità che è nel tuo lavoro, che da come lo farai dipende la conoscenza che loro acquisiranno di un argomento.
e poi...come è strano guardarli, ora che sono mamma (questa è la mia prima supplenza da mamma)...mi capita di fermarmi attimi a cercare la cucciola...tra qualche anno. come sarà? a chi di quelle ragazze somiglierà? sarà la ragazzina studiosa, la ragazzina che fa gruppetto con le amiche, la ragazzina timida in disparte, la ragazzina presa in giro, la ragazzina leader, la ragazzina ribelle...andrà d'accordo con i suoi compagni, troverà una scuola che saprà formarla...darle quello di cui ha bisogno per essere un adulta consapevole e curiosa verso la vita? quanti dubbi....è inutile tutte le strade portano alla mamma che c'è in me. per poi tornare a casa e trovare lei, la mia cucciola, che mi abbraccia mi bacia mi aspetta con ansia.
e sento che mi è mancata....che non è poi così semplice vivere separate buona parte della giornata.
però una cosa è certa ora mi dedico a lei con molta più serenità.
dovrò ricordarlo nei momenti di crisi...spesso il problema non è lei....ma io!

16 commenti:

  1. Non avevo letto lo scorso post, ma che bello!
    Si sente che sei già più felice :)

    RispondiElimina
  2. è successo anche a me rientrando a lavorare, il rapporto con i miei figli è migliorato!
    è difficile conciliare tutto, ma è anche più gratificante.

    RispondiElimina
  3. che bello questo post :) è bello sentire la passione che hai per il tuo lavoro. Anch'io in questo periodo non sto lavorando e vivo le tue stesse fatiche, oltre che lo stesso amore per il mio lavoro. Spero di riprenderlo presto, anche se so che non sarà semplice lasciare il mio bimbo!
    Ti auguro di trovare presto altre supplenze :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. che bello!!!
    io sono come te, non mi sento fatta per essere mamma a tempo pieno ma sento di dare il massimo quando posso realizzarmi anche fuori come mamma!
    certo poi il problema é che la via media non si trova mai: riuscire a stare abbastanza tempo coni nostri figli mentre riusciamo a dare noi stesse al massimo anche nel lavoro...
    goditi questi momenti e...chissà se da quest'esperienza ne nascano altre!!

    RispondiElimina
  5. simply, sono felice di sentirti così, lo avverto dalle tue parole quanto ti ha fatto bene! anche a me nel lavoro quando incontro ragazzini,capita di pensare come saranno i miei figli...chissà! un bacio grossissimo amica mia e buona domenica

    RispondiElimina
  6. Sono molto felice per te...e sono d'accordissimo sull'ultima frase del tuo post...spesse volte il problema non sono i figli ma noi, anche a me capita tante di volte di passare il giorno intero con loro ma di non essere con loro e la colpa è solo mia perchè stare con i bambini stanca, logora ma se noi siamo cariche tutto ciò non lo sentiamo. Da quando ti vengo a trovare mi piace molto il tuo blog...brava!
    Buon proseguimento di tutto

    RispondiElimina
  7. bellissimo questo post... comune a tutte noi mamme che non dobbiamo mai dimenticare che per essere mamme dobbiamo, innanzitutto, essere donne... è il primo regalo che dobbiamo ai nostri bimbi...
    :D

    RispondiElimina
  8. Ah, non sapevo che fossi musicista! Che bello. Io sono proprio negata.
    Sono contenta per voi. :)

    RispondiElimina
  9. si sente che sei felice, che bello! :)

    RispondiElimina
  10. Lavorare è esprimere se stessi, è bellissimo leggere di come ti senti soddisfatta e di quanto tua figlia ti sia presente anche quando non sei con lei, ma per un buon fine!

    RispondiElimina
  11. In bocca al lupo, soprattutto per il DOPO!

    RispondiElimina
  12. questo post mi consola perchè la settimana prossima tornerò al lavoro dopo il congedo per maternità....mi auguro di avere al meno un pò della tua serenità!

    RispondiElimina
  13. Sono felicissima x te! Lavorare è un modo x scaricarsi e ricaricarsi, xchè a volte è necessario smettere il ruolo di solo mamma. Poi insegnare è molto più di un lavoro, è una passione. anch'io guardo i miei allievi e trovo il loro qualcosa che mi ricorda i miei bambini, come vorrei che diventassero e come assolutamente spero non diventino.
    quando ho ripreso a lavorare Matilde aveva 4 mesi e mi sono portata il suo ciucco in tasca, quando mi mancava, o mi sembrava di essere nel posto sbagliato xchè quello giusto era con lei, lo stringevo forte. Adesso ha quasi 3 anni ma nella mia borsa c'è ancora il ciuccio, quando lo vedo cercando tra i libri, il registro o l'astuccio non posso fare a meno di pensare a lei.

    RispondiElimina
  14. Avessi avuto un'insegnante motivata come te, forse capirei qualcosa di musica.
    L'unico prof che ho mai avuto era una persona amareggiata dalla vita, che non aveva voglia di stare dove stava, e che non riusciva a trasmettere un minimo di amore per quello che insegnava.
    Sono stata insegnante anch'io, da mamma, e condivido i tuoi pensieri.

    RispondiElimina
  15. Finalmente!! Felice per te! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  16. Che bello insegnare musica!
    Io sono tornata a "scuola" per imparare a strimpellare il pianoforte. Domani ho la mia lezione n. 2!!! Mi diverto un sacco.
    Buon lavoro a te!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.