mercoledì 22 dicembre 2010

la chiamavano ricaduta

gli ultimi due post sono stati colmi di fascino natalizio ma è meglio tornare con i piedi per terra. si perchè non riesco a fare nulla e soprattutto non riesco a vivere questo natale come vorrei, con entusiasmo. una serie di cause esterne tra cui la cucciola che si è riammalata. la famosa ricaduta, anzi la sua prima ricaduta perchè non mi era ancora capitato. in genere un pausa di 15 giorni c’è sempre stata anche tra i malanni più vicini e invece questa volta la febbre si è ripresentata quando ancora non eravamo usciti dalla precedente. e stamattina antibiotico! questa volta ha vinto lui, ho dovuto abbassare la testa è accettare la sconfitta. cerco sempre di evitare di darlo all’inizio, purtroppo ormai viene somministrato come si fa con un analgesico sottovalutando tutti i danni che un abuso di tale farmaco sortisce e adesso anche i vertici sanitari si stanno ponendo finalmente il problema promuovendo campagne pubblicitarie per un utilizzo responsabile dell’antibiotico. 
e ne conosco di amiche che non appena loro figlio ha la febbre, prima ancora di verificare cosa sia, danno l’antibiotico o peggio ancora il cortisone “così domani è passato tutto!”. o peggio ancora di pediatri che pur di risolvere immediatamente qualsiasi problema al primo giorno di febbre prescrivono l’antibiotico.
anche in questo campo la maternità mi ha fatto crescere e dopo i primi due antibiotici dati alla cucciola di cui uno dato per la sesta malattia (ed è parere unanime che in questo caso gli antibiotici non servono a nulla) ho iniziato a valutare volta per volta se era veramente necessario o meno. ho iniziato a non farmi prendere dal panico quando il termometro saliva, ho iniziato a pazientare, ad aspettare le famose 48 ore, tempo utile al fisico per combattere la malattia da solo o con l’aiuto di un’antipiretico per alleviare i sintomi, seguendo scrupolosamente semplici consigli.
ricordo ancora quella volta che il pediatra mi prescrisse l’antibiotico a distanza di un mese dalla precedente assunzione e la mia decisione di aspettare l’evolversi della febbre prima di somministrarlo. ricordo quella strana sensazione di angoscia, di far del male alla cucciola, solo per delle mie idee, solo perchè credo nella capacità di auto difesa del nostro sistema immunitario e poi quella successiva sensazione di vittoria il giorno dopo quando tutto era passato quasi per magia senza l’uso dell’antibiotico. ho fatto un conto, più o meno su venti malanni che la cucciola ha avuto in 27 mesi (considerate che la cucciola ha messo tutti i denti con la febbre e anche questa volta c’è un dente di mezzo, tant’è che mi chiedo ma non è che mi mette anche quelli del giudizio?) è stato necessario l’antibiotico solo 4 volte ( e con oggi 5 ). e mi sembra una buona media considerando le situazioni in cui l’ho somministrato:
il primo aveva 6 mesi, prima malattia e non sapevo nemmeno come si affrontava (non avevo neanche la tachipirina in casa tanto ero inesperta),
il secondo alla sesta malattia (?),
il terzo con una faringite che le aveva portato la febbre a 40°,
il quarto come profilassi dopo l’intervento chirurgico
il quinto oggi dopo che la febbre è ritornata a distanza di 8 giorni.
questo bollettino sanitario forse vi ha fatto ridere ma io sono un pò maniaca di queste cose, insomma faccio davvero tanta attenzione sperando di fare la cosa giusta, sperando che il sistema immunitario di mia figlia mi ringrazierà un giorno, sperando di essere compresa prima o poi anche da coloro (vedi mia suocera) che non capiscono perchè tenersi la febbre per 3 giorni quando dandole l’antibiotico risolverei tutto dopo qualche ora con un notevole guadagno in serenità nostra e della cucciola!
già, delle volte vorrei essere meno complicata, pensare meno, valutare meno. perchè questa volta all’antibiotico ci siamo finiti comunque e mi sono giocata anche io il natale o meglio questi ultimi giorni di aria natalizia, di shopping natalizio che ancora non ho iniziato (e a questo punto non credo comincerà).
insomma ora faccio la mamma egoista: “ma proprio ora ti dovevi riammalare?”

15 commenti:

  1. Non sei complicata, ma attenta.
    Anche io seguo la filosofia che le medicine vanno prese con cautela, e faccio così sia per me che per il piccolo, soprattutto per lui,anche perchè per deformazione professionale tendo a considerare tutti e dico tutti gli effetti collaterali.
    Stai tranquilla che i tuoi sacrifici "natalizi" saranno ripagati da un sistema immunitario più forte dell'uomotigre e di superman messi insieme.
    E non sei nemmeno egoista...sono i nostri cuccioli che sono un po dispettosi...e come quando sei in super ritardo e mentre corri come una matta verso la porta di casa speranzosa di poterla varcare per raggiungere la tua meta e lui ti guarda con gli occhi grandi e ti dice MAMMA CACCA!!!!!
    Dai coraggio che passa anche questa....Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. buongiorno, ti vorrei passare il premio beautiful blog, se vuoi partecipare è carino, è un gioco per conoscersi meglio, bisogna scrivere 10 cose su di se' e poi passarle ad altre 10 persone-blog che ci piacciono, guarda sul mio blog:
    http://lamiadolcebambina.blogspot.com/2010/12/beautiful-blogger.html

    RispondiElimina
  3. Io però mi chiedo una cosa: ma come fai a dare un antibiotico senza dirlo al tuo medico?!!? Vanno prescritti per legge mica sono tachipirina!
    Io l'ho dato 3 volte: uno per una brutta otite (l'unica per fortuna), una volta me la prescrisse la sostituta della ped secondo la ped inutilemnte ma ormai andava finito (la ped ringhiò me lo ricordo bene!) e l'altra per un'infezione batterica che non se ne andava. Tre volte in tre anni.
    E mi sembrano pure troppe!!!!

    RispondiElimina
  4. anche io sono contraria agli antibiotici subito e presto solo se necessari insomma...bè non è il sogno di noi mamme che si ammalino in questi gg di festa...tanti auguri di veloce guarigione e natalizie naturalmente :)

    RispondiElimina
  5. @mammazeroventi speriamo passi presto!
    @federicasole grazie accetto volentieri e presto posterò
    @rocciajubba ovviamente ti riferisci a quelle persone che lo fanno di testa propria? io questo antibiotico ce l'avevo segnato da 10 giorni fa per una febbre durata un giorno e tosse e muchi. poi il ped mi ha detto se la febbre le torna lo somministri. evidentemente è proprio un bravo medico perchè la febbre è tornata e io ho seguito il consiglio. nonstante questo dopo 2 ore dalla somministraione l'ho chiamato per esporre o nuovi sintomi e sapere se fosse sempre quello l'antibiotico da dare! insomma sono esageratamente scrupolosa...davvero non so come si fa ad essere incoscienti da questo punto di vista!
    @twins(bi)mamma grazie tanti cari auguri anche a te!

    RispondiElimina
  6. la mia ha male all'orecchie ed essendo il 22 mi aspetto di averla malata a natale...sull'abuso degli antibiotici c'è tanto da dire, è figlio di un tempo in cui si cercava di promuovere le case farmaceutiche in tutti i modi, vedi la questione latte artificiale...auguri di buona guarigione alla piccola..

    RispondiElimina
  7. brava! approvo! l'uso sconsiderato degli antibiotici è dannoso per chi li assume e anche per la comunità, perché spinge i batteri ad evolvere verso nuove forme più conbattive e intelligenti.

    RispondiElimina
  8. Il mio pediatra non te lo prescrive nemmeno sotto minaccia di morte! La impietosisci solo dopo quaranta giorni di febbre consecutivi.
    anche noi siamo in piena ricaduta...santa pazienza!!
    vistodalei.splinder.com

    RispondiElimina
  9. tesoro credo e speo che tra un paio di giorni sia tutto apposto ^_^. tanti augui alla tua cucciol di buona guarigion, purtroppo è il periodo uff...discorso antibiotico la penso come te

    RispondiElimina
  10. @mammadifretta @rosa esattamente! ma non tutti fanno attenzione o sono informati.
    @vistodalei di pediatri così ne esistono uno su un milione!!!

    RispondiElimina
  11. @mammapapera lo spero davvero! sono esausta!

    RispondiElimina
  12. Noi solo omeopatia. Poi siamo stati costretti in quasi 10 anni a dare una dose massiccia di antibiotici con odiose punture per una brutta polmonite che nel 2007 è iniziata il 23 dicembre, con corsa all'ospedale di notte ed è finita il 10 gennaio!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Povera cucciola,
    anch'io la penso come te, a lungo andare gli antibiotici finiscono per indebolire il nostro sistema immunitario,tuttavia credo che ultimamente ci sia una maggiore attenzione, segno di una coscienza più attenta...
    Grazie per gli auguri, ricambio con affetto, spero che la piccola guarisca al più presto,
    Amalia

    RispondiElimina
  14. Sono d'accordo con te sul discorso antibiotici, anche io cerco di limitarli a quando è davvero indispensabile, non sono mica acqua fresca! Ma soprattutto, un bacino alla cucciola e ti auguro che guarisca prestissimo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. mi dispiace per la cucciola! in questi giorni sento che molti sono ammalati! il mio Ale sta prendendo l'antibiotico ( placche in gola!) e il piccolo comincia a star male...io ormai ho perso il conto di tutti gli antibiotici che hanno preso e considera che la mia pediatra non lo dà tanto facilmente. Le volte che abbiamo aspettato alla fine abbiamo dovuto darlo. I miei figli sono veramente delicati con la gola ma con la frequentazione del nido si passavano di tutto! buona guarigione! :)

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.