domenica 12 dicembre 2010

ecco....ricominciamo!!!

rientro al nido...
venerdì
sabato
lunedì
martedì
mercoledì festa!
giovedì
venerdì il mio istinto materno mi dice...oggi la lascio a casa...
sabato...ossia ieri...febbre!

no! il gioco non vale la candela, al nido la cucciola non ci va più...avevo già spiegato le mie motivazioni per la pausa di novembre ma no, adesso basta.
che dire, la mia piccola avrà le difese troppo basse o forse è così anche per gli altri non lo so.
certo è che io la mando al nido per darle un'opportunità di crescita, perchè fanno tantissime attività, perchè lei ci va volentieri..ma per il momento quello che cresce è solo il suo sistema immunitario.
per carità è giusto, se le prendono ora non le prendono poi dicono (sarà verò mah?)
ma con questo ritmo non ce la facciamo. la frequenza è troppo alta. ora ci aspetta almeno una settimana di vomiti, pianti, urla e notti insonni. in cui i ritmi vengono stravolti, in cui vedi la cucciola abbattuta e ti stringe il cuore.
no mi sa che il capitolo nido davvero lo chiudo...sembra che la porti lì giusto per farla ammalare. comunque a casa posso tenerla e quando non ci sono c'è mia madre. lo so la compagnia degli adulti non è la stessa cosa, le attività che posso organizzare io non sono belle come quelle del nido (a novembre ad esempio hanno fatto la vendemmia...vera!) ma come faccio. vedere la cucciola stare così male...no, non ce la faccio! 3 giorni al nido e 10 a casa malati non va bene!

10 commenti:

  1. Io tiposso solo portare la mia esperienza: Belvetta all'inizio faceva così.
    Il primo anno è normale.
    Poi vai di rendita.
    Se non è ora è dopo te lo assicuro.
    Dipende però ovviamente dalla gravità della cosa.
    Senti anche al pediatra e poi decidi.

    RispondiElimina
  2. tutti e due i miei hanno fatto il primo anno di nido praticamente a casa! addirittura ad Ale, dopo il primo mese, abbiamo fatto fare una pausa di due mesi, ma poi è tornato!
    Si ammalano sempre meno è vero ma è una faticaccia. Noi non avevamo scelta, non so cosa avrei fatto ma al nido hanno imparato molto, soprattutto a convivere e ora raccolgo i frutti! ciao baci...segui il tuo istinto, comunque chiedi consiglio al pediatra, io ho fatto delle cure per aumentare le difese.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Il tuo post sembra il racconto delle mia ultime settimane...inizio asilo il 29 novembre, dicembre è iniziato col raffreddore, occhi lucidi e notti tormentate,
    sabato, domenica,lunedì,martedì,
    mercoledì a casa
    Rientro giovedì e venerdì naso che cola e tosse
    sabato (ieri) febbre che ha toccato i 39.8!

    RispondiElimina
  5. mi dispiace per la cucciola...anche gnometto il primo anno ha fatto la stessa cosa, uno strazio! comunque sono d'accordo con le altre, senti anche il pediatra ma è il tuo cuore di mamma che può decidere! un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Mi spiace :( ma ti capisco, penso che farei la stessa cosa anch'io!

    RispondiElimina
  7. se ti può consolare noi l'anno scorso abbiamo fatto una settimana all'asilo e una a casa, poi verso marzo, con il caldo, le cose sono migliorate... io non l'avevo mandata per socializzare anche perchè 1 anno fa era veramente piccola, ma per la mia sopravvivenza fisica e mentale, ero sola senza nonni e marito sempre fuori e non ce la facevo...
    Comunque quest'anno ha iniziato il 10 settembre e fino ad ora è stata male solo una volta, seriamente, per il resto tosse e raffreddore più o meno costanti...

    RispondiElimina
  8. Mi dispiace per la piccola... è una cosa estremamente soggettiva, la mia ha alternato mesi in cui non saltava un giorno a mesi un cui ne infilava una via l'altra.
    Comunque credo che tu abbia ragione, a un certo punto se sono sempre malati anche il sistema immunitario si "stanca". Meglio una pausa, magari riprovi quando sarà più grande!

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco! Ho fatto la stessa scelta: dieci giorni fa abbiamo ritirato Superbaby dal nido, con molto dispiacere, ma l'abbiamo fatto. In due mesi avevamo collezionato: due settimane di antibiotici, almeno tre raffreddori, tosse e, dulcis in fundo, un ricovero ospedaliero. Allora basta: per lui, prima di tutto. Che è un bimbo sereno e tranquillo, dormiglione e mangione, e che invece si svegliava piangendo col naso chiuso e non voleva più mangiare a causa dell'influenza con vomito. Mi dispiace, ho avuto molti dubbi, le maestre erano brave e le attività interessanti. Ma non era più possibile. Bacioni.

    RispondiElimina
  10. @rj e mammasorriso è dura, davvero non ce la faccio soprattutto perchè oltre al malanno lei non riesce più a dormire, la notte la passiamo completamente svegli. non riesce proprio a dormire con tutto ciò che ne consegue anche per noi (oggi se mi vedeste sono uno straccio)...uffa!

    @mammazeroventi esatto...come tutto sembra filare liscio, come sembra che si sta entrando in un ritmo più definito...trac!

    @mammamicia sì ne parlerò per bene col pediatra anche se credo ci sia ben poco da fare! un immunostimolante l'aveva già preso.

    @seavessi benvenuta! è quello che dice anche mio marito e probabilmente faremo così...ma davvero a malincuore!

    @mammamaggie proprio così, adesso c'erano tutti i preparativi per il natale...ma proprio non ce la facciamo. mia figlia già dorme poco ma quando si ammala non dorme per niente, davvero, per niente. e siamo tutti e tre degli stracci. e per qualche ora di nido passare una settimana così, no non ce la facciamo proprio. ma quanto mi dispiace. baci anche a te!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.