martedì 14 dicembre 2010

diritto al dialogo

continuo a partecipare all'iniziativa di piccolalory sui diritti dei bambini.
io con la cucciola ho sempre parlato, parlato, parlato…sin da quando era nella pancia, sin da quando, appena uscita dal mio ventre, le ho detto “cucciola ce l’abbiamo fatta!”.
l’ho sempre trattata coma una bambina più grande che mi comprendeva e così mentre le cambiavo il pannolino, ad esempio, le chiedevo “ti piace la luce? hai fame? hai visto che bello questo vestitino?” etc. etc. insomma le ho sempre parlato, fatto domande come se avessi potuto ricevere da lei una risposta. non so …insomma, non l’ho fatto con una intenzione didattica, l’ho fatto e basta, instaurando una certa comunicazione tra noi sin dall’inizio. non ho mai trascurato un suo pianto, anzi ho sempre cercato di comprenderlo e di agire di conseguenza, insomma l'ascolto sempre.
oggi che la cucciola ha 26 mesi posso dire che abbiamo instaurato un bel dialogo come quando lei cerca di comprendere le mie espressioni e mi chiede:
mamma che c’è? sei arrabbiata?” “no, amore” “sei contenta?”
in queste situazioni mi si riempie il cuore o quando mi dice “mamma guarda che bello, sono felice!”
ma la cosa più bella è quando questo dialogo lo mette in pratica con la sua bambola preferita. oggi ad esempio le ha detto:
che c’è Key (la sua bambola preferita si chiama così) sei stanca? andiamo a nanna? stai tranquilla, sono qui vicino a te!”
davvero, si esprime così. dialoga con la sua bambola cercando di comprenderla e di soddisfare i suoi bisogni.
ecco per me questa è la base di questo diritto al dialogo, che spero tanto poi lei riesca a mettere in pratica nella vita e soprattutto spero di porre ora un piccolo mattoncino ogni giorno che lo renda saldo soprattutto pensando all’adolescenza (lo so che è prematuro) quando invece con i genitori si alzano dei muri enormi e quel famoso dialogo diventa una utopia. chissà???

4 commenti:

  1. Io penso che certe fasi (nell'adolescenza in particolare) non si possano in qualche modo saltare o "evitare", ma con delle basi solide, saranno sicuramente migliori ;)

    RispondiElimina
  2. anche io con gnometto ho sempre parlato tanto, lo faccio ancora e cerco di farlo parlare dei suoi stati d'animo quando vedo che c'è qualcosa che non va...e come dici tu, speriamo che siano delle basi solide per il futuro! un abbraccio!
    (ma quanto dolce è la cucciola che parla così alla bambola?)

    RispondiElimina
  3. che bella la neve nel tuo blog^^
    Un bacissimo!

    RispondiElimina
  4. Con Superbaby parliamo tanto: dal dialogo tipo "Maaaammmmma!" "Dimmi amore" "Prrrrrr!", ai suoi "aaaaaa", "dadadadada", "uuuuuuuuu" di 15mesenne in risposta alle mie spiegazioni e domande. è bello, credo che sia un investimento.

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.