venerdì 12 novembre 2010

questione di emotività

sono giorni intensi e sul web ci sto veramente poco...ma vi penso! le lezioni del corso sono ricominciate, e venerdì ho un'esame importante, un'esame pianistico. questo tipo d'esame, ossia eseguire in pubblico a memoria diversi brani musicali con il massimo della perfezione è sempre, come dire, "tosto". in particolare per lo stato emotivo in cui ti pone, sai che non puoi sbagliare neppure una virgola, ogni tassello deve essere al suo posto, ogni nota, ogni sfumatura, ogni idea di suono. tutto deve essere lì nella tua mente e nelle tue dita così come ore ed ore di studio ti hanno insegnato. sei pronta ma sai quanto costa l'emotività, l'autocontrollo, quanto è difficile. così tutto, per un'emozione più forte del normale, incontrollabile, che ti fa tremar le mani e fondere il cervello, può svanire nel nulla rendendoti la persona più delusa di sè stessa in quel momento. mi è capitato, durante i miei primi esami pianistici di buttare all'aria le ore di studio per quella maledetta sensibilità, ansia, agitazione. quella che anche i "grandi" provano ma che sanno abilmente elaborare trasformandola in esecuzioni grandiose. 
mi è capitato durante gli ultimi anni di studio di trovare quella serenità e quella felicità durante l'esecuzione che ti fà dare il meglio. ora mi rimetto in gioco, conoscendo i miei pregi e i miei difetti, conoscendo la mia emotività e la capacità che ho trovato di superarla. e spero di farcela ancora una volta, spero di uscire da quell'aula soddisfatta...soddisfatta di me e di quello che la mia musica riesce a trasmettere. soddisfatta di aver raggiunto un importante obiettivo soprattutto a livello personale.



11 commenti:

  1. Grande!!
    Complimenti per i tuoi traguardi!

    RispondiElimina
  2. un grande in bocca al lupo! un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ...ti auguro di raggiungere ciò per cui ti sei impegnata.In bocca la lupo!

    RispondiElimina
  4. Anche mia sorella ha ripreso da poco a studiare pianoforte per finire gli esami, e so quanto sono difficili. Ho poi un'amica, emotiva anche lei ma questo non le ha impedito di diventare una stimatissima pianista jazz che oggi incide dischi e fa concerti dappertutto..
    Per esperienza ti dico che l'emotività mi ha fatto saltare diversi appelli d'esame ma quando riuscivo a controllarla la soddisfazione, uscendo dall'aula, era enorme.
    Ti faccio un grosso "in bocca al lupo"
    R.

    RispondiElimina
  5. @amiche crepi il lupo! e grazie, grazie grazie!
    @mammanonbasta è proprio quella la soddisfazione più grande vincere quella tensione che non ti fa dare il meglio. vincere una battaglia con te stessa. spero di riuscirci.

    RispondiElimina
  6. Siamo con te.
    Pensa solo a te, alla tua musica, al piacere di fondervi insieme.
    Al gelido calore dei tasti bianchi e neri, alla perfetta lucentezza che senti sotto le dita, al ritmo del pezzo come il battito del tuo cuore.
    Sarai splendida.

    RispondiElimina
  7. @rocciajubba uau! che parole meravigliose...me le ripeterò prima di cominciare...che amiche che siete! grazie!

    RispondiElimina
  8. un enorme in bocca al lupo! ma soprattutto complimenti per i risultati raggiunti e per quelli che, sono sicura, arriveranno a breve! :)

    RispondiElimina
  9. un grande in bocca al lupo..di cuore!!

    RispondiElimina
  10. Non so come lasciarti il mio in bocca al lupo. Ma sappi che è forte e intenso, soprattutto perché un tempo ho suonato anch'io.

    RispondiElimina
  11. cos si sice in questi casi..in bocca al lupo?? Hai provato con il training autogeno o con del rilassamento? io lo usavo da ragazzina prima delle gare e funzionava bene!! Un abbraccio!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.