mercoledì 3 novembre 2010

i figli sono come gli aquiloni

girovagando nel web scopro questa meravigliosa poesia e prima di andare a dormire non posso fare a meno di condividerla con voi.




I figli sono come gli aquiloni,
passi la vita a cercare di farli alzare da terra.
Corri e corri con loro
fino a restare tutti e due senza fiato…
Come gli aquiloni, essi finiscono a terra…
e tu rappezzi e conforti, aggiusti e insegni.
Li vedi sollevarsi nel vento e li rassicuri
che presto impareranno a volare.
Infine sono in aria:
gli ci vuole più spago e tu
 seguiti a darne.
E a ogni metro di corda
che sfugge dalla
 tua mano
il cuore ti si riempie di gioia
e di tristezza insieme.
Giorno dopo giorno
l’aquilone si allontana sempre più
e tu senti che non passerà molto tempo
prima che quella bella creatura
spezzi il filo che vi unisce e si innalzi,
come è giusto che sia, libera e sola.
Allora soltanto saprai
di avere assolto il tuo compito.
(Erna Bombeck)

13 commenti:

  1. Grazie!
    Un così dolce e profondo pensiero!
    Buonanotte anche a te e alla tua cucciola

    RispondiElimina
  2. Hai ragione è stupenda ... ed è purtroppo la verità. Dico purtroppo perchè io, come penso tutte le mamme,non vorremmo mai lasciare i nostri figli, ma come dice il grande Gibran ..."i nostri figli non sono nostri"!!

    RispondiElimina
  3. molto commovente, sia il brano musicale sia la poesia! E' un po triste pensare che si spezzi quel filo...mi piace credere che il legame coi nostri figli resti per sempre...magari come un elastico che si allontana ma poi si riavvicina senza rompersi! un abbraccio

    RispondiElimina
  4. E' molto bella e mi rattrista un pò pensare che il filo dei miei aquiloni si spezzerà molto prima di quello di voi mamme blogger che leggo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bellissima e verissima!
    La conoscevo già, ma è stato bello rileggerla!
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Grazie di avermi aggiunto tra i tuoi links... ricambio con piacere... mi capita a volte di essere un po' timida all'inizio, temo sempre di essere invadente... che stupidina!

    RispondiElimina
  7. Grazie per averla condivisa, è bellissima!
    Anche se fa rattristare un pò, è la verità: i figli non ci appartengono... ciao!

    RispondiElimina
  8. bellissima poesia! grazie!

    RispondiElimina
  9. bella la poesia..neanche a me piace l'idea che i fili si spezzino..mi mette un po' di tristezza...almeno un po' di elastichino, no?
    la cosa strana è che se mi penso figlia, condivido pienamente ..e sono certa di aver spezzato il filo..
    se mi penso mamma...non ce la faccio..ma forse perchè i miei pulcini sono ancora piccini...grazie mia cara!

    RispondiElimina
  10. è bellissima, anche se mi ha lasciato uno strano sentimento di maliconia...spero che il filo dei miei due "aquiloni" si spezzi quando saranno forti per volare liberi nel vento...
    laura

    RispondiElimina
  11. ciao, questa poesia è bellissima e anche molto vera,
    sono nuova su questa piattaforma e anche un po' inesperta ma spero di rifarmi, tu sei il mio primo commento!
    ciao

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.