domenica 17 ottobre 2010

storia di un'addormentamento mal riuscito

il problema sonno è il nostro incubo. (vedi qui e qui) nonostante svariate letture e documentazioni, non si riesce proprio a trovare una dritta. eppure, tranne Estivill le ho proprio provate tutte. ma è inutile, la cucciola ha 25 mesi e non sono riuscita ad insegnarle a dormire. o meglio ad addormentarsi. come ho già detto in'altri post lei è uno di quei rari casi di cuccioli che rifiutano il sonno, sin da piccolissima. per aiutarla ho provato migliaia di tecniche: all'inizio si addormentava semplicemente al seno e già si addormentava nel momento sbagliato ossia mentre ciucciava e così non si saziava e quando la ripoggiavo in culla a dormire si risvegliava affamata, in un circolo vizioso che non aveva fine e che mi ha fatto vivere come una mucca che con un'allattamento a richiesta continua non riusciva a dare un'organizzazione decente alla sue giornate (io allattavo circa ogni ora e mezza, e considerando che era lentissima ci stavamo anche 40 minuti, fate due conti e chiedetevi com'è che non sono impazzita in quei primi due mesi. prima o poi ci farò un post!), poi ha iniziato ad addormentarsi nella carrozzina, ci mettevo una mezz'oretta buona cantando ninnananne anche perchè se la tenevo in braccio voleva solo il seno, durante gli infiniti risvegli notturni per fortuna c'era specialpapi che mi dava il cambio, la cucciola non ha mai voluto dormire con noi (non so per quale motivo, è inutile già allora mostrava la sua indipendenza) ma lei non voleva semplicemente stare in braccio,  pretendeva che noi facessimo lunghe passeggiate per la casa e così lunghe orette avanti e indietro. 
poi abbiamo iniziato nel lettino con le sbarre, le accendevo mille volte un carillon che adorava finchè non crollava, poi è stata la volta del ciuccio che in realtà non l'ha fatta mai impazzire e pur di farla addormentare (vi prego non ditelo a pediatri e dentisti) ogni tanto lo intingevo nel miele (effetto assicurato), (considerate che io sono una che ancora evito di dare dolci, caramelle e cioccolate ma in quella situazione volevo solo che riuscissimo tutti e tre a dormire).
su consiglio di mia suocera (che aveva sempre da dirmi su cosa sbagliavo) ho provato l'infallibile bagnetto, infallibile solo per lei perchè la cucciola fa parte anche di quella parte di bambini che si eccita a giocare con l'acqua e prendeva sonno alle 4 di mattina.
poi ho privato la camomilla, la tisana della sera, un mix di erbe rilassanti. niente! ognuna di queste cose aveva effetto per qualche sera poi si abituava.
ho sperimentato il rumore della radio desintonizzata e quello (vi prego perdonatemi) dell'acqua corrente lasciando il rubinetto del bagno aperto, anche qui le prime volte ero contentissima perchè avevo trovato il metodo per farla rilassare, dopo pochi giorni niente. e poi la musica classica, le lucine della notte, niente! ci ho sempre messo almeno 45 minuti e considerando che si svegliava dopo altri 40 un disastro.
poi ho iniziato con le routine, con gli orari fissi, con le azioni fisse, macchè non appena capiva che quello che facevo la portava alla nanna combatteva con tutte le sue forze e mi toccava "prenderla in giro" con nuovi modi di addormentarla (ninnananne nuove o nuovi pupazzi).
ho sempre cercato di evitare di addormentarla in braccio ma alla fine, sfinita dal tempo che ci impiegavo ho iniziato a passeggiarla anche io fino a quando non ho scoperto la sedia a dondolo, un'anno fa. da allora lei si addormenta in braccio mentre o io o specialpapi le cantiamo ninnananne. ci mette comunque mezz'ora buona, anche se è stanchissima, anzi più è stanca, più è difficile. nel frattempo, anzi per la precisione dai suoi 9 mesi dorme nella sua stanza e nel suo lettino ed ho provato diverse volte a farla addormentare da sola ma i tempi diventano biblici e quindi...sedia a dondolo. ora mi sono decisamente stancata ho provato mille volte a mettermi accanto a lei, le dò la mano le dico sempre le stesse frasi, per tranquillizzarla del tipo mamma è vicino a te, ora è buio e si dorme, tutti fanno la nanna ma lei niente, si gira, si volta, si gira e si volta finchè non la prendo in braccio e dindolò dindolò.
insomma già solo a scrivere tutto questo mi viene l'orticaria, non so come abbiamo fatto e mi sento un pò in colpa o forse no. non so. davvero noi ce l'abbiamo messa tutta ma proprio non siamo riusciti a farle accettare il momento della nanna. ultimamente poi, sembra proprio che la situazione sia regredita, non appena andiamo in camera per leggere le fiabe, piange. lei continuerebbe a correre e giocare.
ora però voglio cercare di eliminare la sedia a dondolo e ci sto provando ma con scarsissimi risultati.
alla fine vince sempre lei e pur di farla addormentare in meno tempo possibile farei di tutto!
qualcuna di voi ha qualche consiglio da darmi escluso estivill perchè proprio non ce la faccio e anche perchè ormai è troppo tardi per utilizzare un metodo così rigido.
quand'è che i vostri figli sono diventati (autonomi mi sembra una parola grossa) semi-autonomi nell'addormentarsi?

41 commenti:

  1. tu sai già come ho fatto io...

    sinceramente non saprei cosa consigliarti, tranne molta dolcezza e pazienza...
    e sì, la sedia a dondolo la farei sparire, almeno per un po'.

    baciuzzi

    RispondiElimina
  2. Ero indecisa se lasciarti un commento perchè io sono tra i "fortunati" i cui figli non hanno mai avuto problemi a dormire.
    Mia sorella però ha avuto il tuo stesso problema con entrambe le bambine e l'unico modo era farle dormire con lei. Oppure col latte caldo..

    RispondiElimina
  3. Cara Simply, io fortunatamente non ho avuto grossi problemi per la nanna.
    Anche il mio grande lo allattavo continuamente e non dormiva mai di giorno ma da quando ha avuto 4 mesi dormiva dalle 8 di sera alle 8 della mattina. Però per addormentarlo dovevo cullarlo in braccio passeggiando continuamente.
    Poi è arrivato il momento del nido ( a 9 mesi ) e dopo una settimana, ho chiesto alle maestre come facessero ad addormentarlo e mi hanno detto che gli cantavano la ninnananna e lui si addormentava da solo nel lettino. Ho provato anch'io ed ha funzionato ma dovevo sempre stare vicino a lui.Tutt'ora dobbiamo stare vicino a lui nel letto finchè si addormenta. Abbiamo provato a convincerlo a dormire da solo ma senza risultato, così abbiamo rinunciato, piuttosto di iniziare una battaglia, portiamo pazienza...passerà!Il piccolo, invece, basta metterlo nel lettino, cantargli la ninna e poi dirgli che ora si va a dormire, e poi si esce dalla cameretta, e lui si addormenta da solo! è un miracolo. Quindi io sono convinta, per la mia esperienza,che ogni bambino reagisce in modo diverso, non c'è un metodo particolare, si va a tentativi. La tua cucciola al nido dorme?

    RispondiElimina
  4. Ciao Simply, come ti capisco! in relatà la mia prima figlia (oggi 7 anni) è sempre andata a dormire da sola nel suo lettino fin da piccola (il fatto che dormiva nel letto "dei grandi" da quando aveva 2 anni per lei era una vittoria!)si addormentava alle 20.30 (precise) perchè proprio non ne poteva più del sonno MA... verso le tre del mattino si svegliava e voleva solo stare attaccati a noi. Per non perdere la nostra intimità preferivamo stare vicino al suo lettino dandogli la mano finchè non sentivamo gli arti anchilosati ...era un terrore avevo perfino provato con la mano delle bambole per non staccarmi la mia... Dopo i 4 anni (fidati passano in fretta!) non l'abbiamo più sentita ! E ora con la seconda figlia tutta la paranoia sulla nostra intimità e le brutte abitudini da impartire sono sparite e dormiamo a volte tutti insieme, a volte per terra, a volte ognuno nel suo ...ma si dorme ...e si vive!
    in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. che dirti simply? anche io probabilmente non sono un ottimo esempio. Anche Princi da piccolissima si addormentava solo al seno, quando ho smesso di allattarla ho passato un giorno di terrore all'idea di come si sarebbe addormentata e invece, una volta messa nella sua culla (quella con le sbarre) e garantitole il contatto con il mio braccio, dopo un po' si è addormentata. Tutt'ora Princi si addormenta nella culla, ma con il mio braccio vicino che accarezza finchè non crolla. Non ti dico quanto sia comodo per me tenerle il braccio affianco! Infatti per questo, a quasi 23 mesi, Princi dorme ancora nella nostra stanza con la culla affianco al mio lato del letto. Mi perdonino i pediatri e gli estivaliani ma per noi è l'unico modo per passare una notte serena: se si sveglia le allungo il braccio e si tranquillizza, anche se spesso vuole proprio venire nel letto con noi.
    Rispetto ai tempi, anche lei ci mette circa mezz'ora per addormentarsi, tranne quei giorni in cui è proprio sfatta e si addormenta in dieci minuti... sempre con me vicina comunque.
    Presto cercheremo di spostare la culla nella sua stanzetta, ma pediatri o no, io preferisco che dorma e che anche noi riusciamo a dormire... poi crescendo, secondo me, tutto si naturalizzerà. Il sonno è un'attività fisiologica, appena capirà che vi ritroverà anche al risveglio forse si tranquillizzerà anche lei. Lo spero per voi.

    RispondiElimina
  6. ciao. passo di qui per la prima volta. mi sono fermata a lasciarti due parole perché leggo davvero tanta esasperazione nelle tue parole. credo che una formula magica e valida universalmente non l'abbiano ancora scoperta, quindi purtroppo non posso svelarti la Verità che ti aspetti. però una cosa posso suggerirtela. leggendo il tuo post ho colto diversi cambiamenti nella routine della nanna. io ti suggerirei di adottare un programma e portarlo avanti con feroce (si fa per dire) costanza. anche se all'inizio funziona e poi dopo qualche giorno comincia a fallire. se continui a cambiare forse la piccola va in confusione. magari lo moduli man mano che cresce. però devi cercare di trasmetterle serenità prima della nanna. come dire. ok, abbiamo cenato ora ci dedichiamo un po' di tempo speciale per noi perché vogliamo darc la buonanotte. alla lunga imparerà ad apprezzare questo momento dedicato tutto a lei. ma lo può imparare solo dai genitori. ovviamente lei vorrebbe che il giorno non finisse mai perché chissà se poi il mattino dopo ritrovo la mia mamma tutta per me :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Simply! Hai più provato il lettino montessoriano? per carità non pretendo di aver trovato la "panacea di tutte le insonnie" :p ma anche noi ne abbiamo passate abbastanza ed abbiamo risolto abbastanza bene con questo lettino. io penso che quando le provi tutte una in più non guasta, magari è quella giusta.
    posso solo dirti in bocca al lupo e coraggio, poi crescono e ci mancheranno questi momeni

    RispondiElimina
  8. Cara, ma perchè tanti sensi di colpa? Voi non avete nessuna COLPA, ogni bimbo è un universo a sè e chi fa l'equazione: bimbo che dorme=bimbo bravo=genitore capace, dimostra solo di non sapere nulla del sonno dei bambini! Il mio consiglio è una lettura: Il mio bambino non mi dorme di Sara Letardi... amiche con i tuoi stessi problemi me ne hanno parlato molto bene... e poi: perchè abbandonare la sedia a dondolo? Non per senso di colpa o inadeguatezza, spero... è quello il vostro personale rito, come qualcuno (noi) ha la tetta e qualcuno ha la ninna nanna o la fiaba... stai tranquilla, non credo proprio che ti ritroverai una quindicenne in braccio... al limite avrai una figlia adolescente che, come me, sarà un po' nottambula... un vantaggio quando c'è troppo da studiare ;-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Quoto Piccolalory! Nessun senso di colpa! Io non ho grandi consigli... Da qualche mese Bebè si addormenta sdraiato su di me... In queste ultime settimane ha deciso che preferisce la pancia... si rilassa, dopo aver letto molto, chiacchierato sul lettone... ma penso anche io che ogni bimbo è a sé e ognuno ha fasi completamente differenti l'una dall'altra!
    Coraggio!

    RispondiElimina
  10. Il sonno è sacro, da quando sono mamma ho capito perchè utilizzano la privazione del sonno come strumento di tortura. Francamente non so cosa consigliarti, le hai già provate tutte...manca l'omeopatia, o sbaglio?

    RispondiElimina
  11. Bhè...come ti capisco...tanti tentativi e nessuno che sia stato efficace + di 2 notti...ecco io ho abbandonato i fiori di bach...rendevano il monello triste e noioso come non lo è mai stato. Magari esistesse un metodo...anche io ho lette tante cose e mi sono affidata anche ad un omeopata...ma i risultati non si vedono ancora. Il mio problema + grande non è tanto il primo addormentamento (quando va bene in una ventina di minuti con ciucio, tetta, ninna nanna e ciondolini sul divano si addormenta) il vero problema per me sono gli infiniti risvegli. Credo che non riesca a raggiungere un sonno profondo... Poi quandi si sveglia vuole venire nel lettone e comincia a rotolarci addosso fino a che sfinito crolla (a volte anche un paio d'ore). Nella fase dirotolamento va a finire che ci prendino testate e lacioni.... X-P ... quando esco passo in erboristeria e compro un quintale di olio essenziale di camomilla e lavanda da mettere negli umidificatori...

    RispondiElimina
  12. prima di tutto concordo con chi ha detto che non devi assolutamente sentirti in colpa! purtroppo metodi universali non ce ne sono, ogni bimbo è a sè...io posso raccontarti la mia esperienza con gnometto. Fino all'anno mi sembrava di avere un bimbo finto: lo mettevo nel lettino con le sbarre,carillon, canzoncine, sorrisoni suoi e si addormentava. Poi ha cominciato a usare le sbarre del lettino per cercare di arrampicarsi fuori e visto che la sera era distrutta alla fine lo facevo addormentare (orrore!) cullandolo in passeggino. Poi con l'acquisto del letto " da grandi" ho cominciato a leggergli una storia, ma sempre accanto a lui. E anche ora che ha quasi 6 anni si addormenta con me che gli leggo la storia. Non nascondo che (ancora orrore!) a volte se sono particolarmente stanca se vedo che mentre vede la sua mezz'ora di tele dopo cena fa niente se si addormenta sul divano...tutto sto poema per dire che ognuna deve trovare le soluzioni più adatte al proprio bambino...dirti di avere pazienza può sembrare una presa in giro, ma credo che certe difficoltà nell'addormentamento passino solo con l'età. Tu, anche se con tutta la stanchezza del mondo addosso, cerca di trasmetterle calma e serenità, se avverte che vivi il momento della nanna con ansia si crea un circolo vizioso...
    un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  13. ciao simply, mi dispiace che la situazione sia così tragica. Da parte mia già sai come è andata, ne abbiamo parlato un po' e sicuramente non ti sono stata di grande aiuto. Però ti capisco e immagino quanto sarete stanchi, non arrendetevi, deve esserci un modo. Forse passare dal lettino a sbarre al letto normale "da grande" potrebbe essere un pretesto per un nuovo e definitivo modo di addormentarsi. E comunque, completamente d'accordo con pinkmommy, un po' dipende anche da noi nel trasmetterle calma, tranquillità ma anche fermezza e decisione. Tienici aggiornate e un grande in bocca al lupo!!!
    PS: domani scrivo tutto sul pavimento pelvico, scusami ma è stato un weekend lungo e impegnativo, oggi è solo lunedi e già sono stanca....

    RispondiElimina
  14. Ho letto questo e ho pensato a te :-)):
    “L’adulto passa accanto a questo mistico amore senza riconoscerlo: ma badate, quel piccino che vi ama crescerà e scomparirà. Chi vi amerà come lui? Chi vi chiamerà andando a letto, dicendo affettuosamente ‘Stai qui con me’, anziché dire con indifferenza ‘Buonanotte’? Chi desidererà altrettanto ardentemente starci vicino mentre mangiamo, soltanto per guardarci? Noi ci difendiamo da quell’amore e non ne troveremo mai un altro uguale!” Maria Montessori, Il segreto dell'Infanzia

    RispondiElimina
  15. Ti capisco, ho avuto anche io problemi di nanna con la Principessa. Il Padawan lo avevo "educato" a dormire mettendolo semplcemente a letto con un po' di coccole e lasciandolo li a piangere. Dopo un po' di pianto andavo a coccolarlo e lo rimettevo giù. All'inizio andavamo avanti un ora, poi sempre meglio e a 2 anni dormina da solo alle 8:30. Con la Principessa non se ne è parlato, già non ha mai dormito da sola di giorno, figurarsi di notte. L'unica era sdraiarmi vicino e lei e aspettare che si addormentasse. Così spesso era Mr.X che mi chiamava, perchè mi addormentavo anche io. Ha incominciato a doemire da sola all'asilo, forse era più stanca o ferse solo era diventata più autonoma.

    RispondiElimina
  16. dell'addormentamento del musetto ho parlato da arianna (vistodalei). diciamo che non abbiamo avuto grandi problemi ad insegnargli a prendere sonno da solo, nel suo letto. abbiamo iniziato, seguendo grosso modo il metodo di tracy hogg, quando aveva 9 mesi (adesso ne ha 19) e le prime volte non appena si rendeva conto di essere stato lasciato da solo, naturalmente, piangeva. noi allora lo accarezzavamo oppure lo prendevamo in braccio e quando si tranquillizzava lo rimettevamo a letto ripetendo lo schema lettino-pianto-rassicurazione-lettino fino a che non si abbandonava alle braccia di morfeo. il nostro problema con il sonno, però, può dirsi tutt'altro che risolto visto che finora sono pochissime le notte in cui il musetto non si sveglia piangendo perché ha perso il ciuccio o perché ha fatto un brutto sogno o per qualsiasi altro motivo a noi sconosciuto. quando i figli non dormono è una grande sofferenza per tutta la famiglia: la fatica triplica ed è difficile essere sereni.
    mammasidiventa.ilcannocchiale.it

    19 ottobre 2010 19:22

    Verifica parole





    dell'addormentamento del musetto ho parlato da arianna (vistodalei). diciamo che non abbiamo avuto grandi problemi ad insegnargli a prendere sonno da solo, nel suo letto. abbiamo iniziato, seguendo grosso modo il metodo di tracy hogg, quando aveva 9 mesi (adesso ne ha 19) e le prime volte non appena si rendeva conto di essere stato lasciato da solo, naturalmente, piangeva. noi allora lo accarezzavamo oppure lo prendevamo in braccio e quando si tranquillizzava lo rimettevamo a letto ripetendo lo schema lettino-pianto-rassicurazione-lettino fino a che non si abbandonava alle braccia di morfeo. il nostro problema con il sonno, però, può dirsi tutt'altro che risolto visto che finora sono pochissime le notte in cui il musetto non si sveglia piangendo perché ha perso il ciuccio o perché ha fatto un brutto sogno o per qualsiasi altro motivo a noi sconosciuto. quando i figli non dormono è una grande sofferenza per tutta la famiglia: la fatica triplica ed è difficile essere sereni.
    mammasidiventa.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  17. Io di bimbi ne ho due. La mia principessa di 5 anni, da brava principessa, ha le sue regole per addormentarsi nel migliore dei modi: deve toccare le mie orecchie, preferibilmente se sono stesa accanto a lei. Il cucciolo di casa, che di anni ne ha tre e mezzo, deve invece toccare le tette della mamma!!! Morale della favola? Non c'è verso che si mettano a letto da soli, diano la buonanotte, il bacino e tutti a nanna...
    Immagina la scena: la mamma in mezzo nel lettone con il maschietto alla sua destra che infila la mano nel reggiseno per il suo dolce contatto fisico... e dall'altra parte la principessina che cerca la posizione giusta per toccare le orecchie... Io a quattro di spade in mezzo che cerco di trovare la mia posizione ideale che non è mai compatibile con la loro... Devo dire, però, che ora che vanno entrambi alla scuola materna e di pomeriggio non dormono, la sera si addormentano in un attimo e il sacrificio per me è minimo. Ora, tanto per farti un esempio, sono già a letto da una ventina di minuti e se ne riparla domattina... Però tieni conto che il mio bimbo si alza e, scontento del letto, si mette a dormire... per terra! Sceglie da solo il posto preciso in cui raggomitolarsi e lo trovo per terra!!! Spero che la cosa si risolva al più presto. Quando non si dorme è un casino!

    RispondiElimina
  18. care amiche, siete davvero tante a darmi consigli e a raccontarmi la vostra esperienza ed ognuna a suo modo mi fa vedere il problema da un'angolo diverso. ogni bimbo e ogni storia è diversa ma io vorrei tanto aver regolarizzato il problema sonno...sono 25 mesi!

    @mammalellella e mammanonbasta grazie per i consigli!

    @mammasorriso no, al nido non dorme! e il pomeriggio si addormenta un'oretta alle 15 e 30. quindi lì il problema non si pone.

    @adriana è quello che penso anche io il prossimo mi creerò molti meno problemi, nel letto con noi o in qualsiasi moda voglia dormire. basta che si dorme!

    @valepi però questo momento in cui tutto si regolarizza non arriva mai

    @rosa considera che questi cambiamenti di routine sono avvenuti in 25 mesi.

    @barba il letto montessoriano è il mio prossimo obiettivo e ti aggiorno non appena lo faccio

    RispondiElimina
  19. @piccolalory vista così...pensandola già grande...mi emoziono! e le parole della montessori sono fantastiche però quando non si dorme per tanti mesi è un pò difficile essere sempre amorevole e non pensare che oggi vuoi dormire!

    @tatina e così...ogni bambino e a sè!

    @cocchina no effettivamente l'omeopatia non l'ho provata. tu puoi consigliarmi qualcosa?

    @mami esattamente così...sonno leggerissimo. anche gli oli essenziali di camomilla nell'umidificatore non gli ho provati

    @pinkmommy e @mammamicia è quello il problema che ultimamente mi capita di innervosirmi e di sgridarla proprio mentre si deve addormentare. sigh! poi mi pento ma certi momenti sono stanchissima.

    @ohmamma due esperienze completamente diverse quindi!

    @mammasidiventa "quando i figli non dormono è una grande sofferenza per tutta la famiglia: la fatica triplica ed è difficile essere sereni" sante parole! è qui il nocciolo del problema!

    @stefania bè la tua situazione vista da fuori è proprio buffa e divertente...oh mamma! ognuna ha le sue!

    RispondiElimina
  20. ciao simply
    ho letto il tuo post e i commenti. non ci sarebbe da aggiungere molto perché un po' tutte hanno detto la verità: non c'è mnodo uguale per tutti. e non dormire porta al manicomio.
    detto questo, ti dico anch'io la mia. lungi dal dare consigli, eh?
    io momo lo allatto ancora e anche se da piccolo non si addormentava al seno adesso si.
    e amen. per ora non mi pongo il problema, tanto quando sarà l'affronteremo. il nostro problema sono i risvegli e il suo parziale installamento nel lettone. prima di avere un figlio ne facevo una questione di principio, l'intimità etc, ora semplicemente di comodità. come molti bambini momo dorme di traverso, sui cuscini, generalemnte con la testa nell'incavpo del mio collo e i piedi sulla cervicale del padre. e poi si sveglia un numero imprecisato di volte. spesso vuole il seno, altre volte piange e si fa consolare anche dal papà. che te devo di'?
    al momento sopravviviamo tenendocelo nel lettone e dandogli il seno quando lo vuole.
    poi si vedrà.
    ho intenzione a breve di prendergli il lettino e metterlo in cameretta sua. ho pensato a un lettino montessoriano, e una brandina per uno di noi, perché ho come la sensazione che ne avremo bisogno.
    comunque l'unica cosa che ho imparato da tutte le fasi legate al sonno di momo (e ho pure letto tutto il leggibile sul sonno dei bambini) che PER LUI la routine è fondamentale. e più si affina, più è facile gestirlo. e soprattutto gli dà una sicurezza che gli fa riconoscere le eccezioni in quanto tali e non come confusione.
    per cui come qualcuno ti ha detto forse la cosa migliore è decidere con lei come volete concludere la giornata -- dondolo, biberon di latte, carillon, acqua che scorre (questa me la terrei come ultima carta :D) -- consapevoli del fatto che i primi tempi potrebbe essere un po' più dura, ma garantendole quella routine sempre perché possa rilassarsi e accomodarsi dentro.
    momo è un tipo che non accetta niente di nuovo, neanche le cose che gli piacciono, bisogna sempre forzarlo. quindi all'inizio io appena lanciava uno strillo lo accontentavo, ma a un certo punto mi sono accorta che non era la cosa giusta. lui ha bisogno di essere guidato e naturalemente recalcitra, però poi si rilassa e gode di quelle regole.
    adesso non mi frega più;)
    ti faccio un esempio: lui adora stare nudo e io lo lascio sempre un po' nudo dopo il cambio pannolino, eppure la sua prima reazione quando gli dici di cambiare il pannolino e lo metti sul fasciatoio è di "disappunto". bisogna sempre superare quel momento, afforntare il suo contrasto e il suo pianto, poi va bene.
    è una fatica...
    questo per dire: magari anche la tua cucciola sta solo cercando i suoi punti fermi. e cambiare spesso routine non l'aiuta. ah! a proposito del bagnetto: anche momo all'inizio si sovraeccitava, o almeno così mi sembrava, urlava quando lo facevo uscire etc etc, però dopo un po' che abbiamo inserito il tutto nella routine serale tempo... 10/15 giorni è diventata liscia.
    addirittura io, dopo averlo asciugato e messo in pigiama gli facevo fare un piccolo rito della buonanotte a tutta la casa: buonanotte giochini, buonanotte papà, buonanotte paperella del bagnetto, buonanotte pappa, e poi lo portavo in camera da letto per la nanna. adesso lui appena si mette seduto sul fasciatoio col pigiamino pulito inizia a fare "ta-tao" con la manina ai suoi giochini, della serie: è stato bello, ora me ne vado a nanna!!!

    eheheheh papirooooooooooo

    un bacio simply, ho proprio esagerato!!!

    RispondiElimina
  21. Senti, ma... e se non facessi niente?
    Nel senso: i bimbi devono essere capaci di addormentarsi da soli. Lascia che trovino la loro strategia di addormentamento, senza essere tu a proporiela. Un bimbo di 25 mesi è assolutamente in grado di auto-consolarsi-addormentarsi.
    Io, onestamente, non farei niente. Non faccio niente.
    Mi metto davanti alla tv, o nel lettone a leggere, leggo una fiaba ad alta voce, e chi s'è visto, s'è visto. Dafne si addormenta da sola, quando ha sonno, e io non faccio proprio nulla per farla dormire.
    Ovviamente, al mattino ci si alza presto e senza deroghe. Alle 7 giù dal letto.
    Guarda che il ritmo lo prendono loro da soli!

    RispondiElimina
  22. Cara Simply,
    anche se sono un papà esprimo la mia opinione che mi vede del tutto d'accordo con Mammafelice. A parte i primissimi tempi (sveglia latte, sveglia pianto, sveglia rumorino) per il resto il pivello ha sempre dormito da solo. Ho un pochettino "forzato" la mamma che lo voleva nel lettone, che voleva vedere come stava, che voleva... che so? Non troppo forzata, ma un pochino limitata si. All'inizio lo mettevamo nel lettino e piangeva dieci minuti, dopo son diventati cinque, poi due. Adesso, a due anni, ore 21 si dice "su, prendi i giochi che ti servono nel lettino che andiamo a fare la nanna". Prende i suoi giochi (circa dieci minuti per farlo) li porta nel lettino, va a lavare i denti, e poi si fionda nel lettino. Sa quali giochi può portare a letto e quali vanno nel "parcheggio" a bordo letto. Questa però è la mia esperienza. Perché abbiamo sempre pensato che un bambino debba dormire per conto suo, senza aiuti. Però ci ha anche aiutato il piccolo, perché ha "accettato" questo sistema. Non tutti sono così "bendisposti". Però, se vuoi provare, è una soluzione che potrebbe essere utile. Ad esempio, per controprova, se lo portiamo con noi nel lettone, non dorme neppure a pregarlo!

    RispondiElimina
  23. Ciao! Leggendo la tua descrizione mi sono tornati in mente gli incubi serali vissuti con mio figlio maggiore: alle 23.30 era ancora lì che girava per casa beato... Ne abbiamo parlato con il pediatra e lui ci disse: se avete tempo di aspettare, intorno ai 30 mesi il problema si risolverà da solo. Il fatto era che lui aveva da poco compiuto un anno, e un altro anno e mezzo di quella vita ci sembrava un'eternità! Eppure così è stato. Intorno ai due anni e mezzo, miracolosamente, ha cominciato ad addormentarsi alle 21, e noi non ancora non capiamo come è avvenuto il passaggio... ps: con il secondo figlio, ahimè, abbiamo (ha, mio marito) usato, fin dai 5 mesi, il metodo Estevill, un po' edulcorato da me: devo dire, comunque, che, nonostante i miei infiniti sensi di colpa (durati però solo la prima settimana), ha funzionato.

    RispondiElimina
  24. Orlando, nonostante abbia 3 anni il prossimo febbraio e io sia all'8°mese di gravidanza, tuttora non si addormenta da solo ma sempre con me e panza accanto e il suo bibe di latte tiepido, a letto mio o (grande progresso degli ultimi tempi visto che prima si dormiva insieme) nel suo lettino ... tutto ciò per dire che questo è quello che è successo a me per aver anch'io evitato Estivill o "allenamenti" vari al dormir da solo.
    Penso che la maturazione della tua bimba la porterà ad un maggiore dispendio di energia durante il giorno e di conseguenza ad un ciclo sonno veglia più definito, almeno te lo auguro. Non sei da sola comunque, so che forse vale poco ma non lo sei!
    Del resto mi pare tu già abbia provato tutti i metodi dolci che ci possano essere, almeno non hai nulla di intentato e questo ti fa onore!
    Anch'io faccio come MammaFelice, cioè niente di speciale: dico che è ora di andare a nanna, gli faccio il latte e vado a stendermi, di solito lui arriva e magari a volte sta lì fino ad un'ora e mezza a volte a girarsi e rigirarsi e parlottare prima di crollare. A volte gli leggo o racconto le storie ma a volte non ne ho voglia e mi porto il computer e faccio le mie cose. Lui, pur di essermi vicino rimane lì anche se sveglio. Certo sono secoli che passo le mie serate così ma non ho alternative.
    Forza e coraggio, tanti auguri di cuore che la tua piccola trovi il piacere dell'andare a nanna a modo suo e ... prima possibile :)

    RispondiElimina
  25. Ciao Simply,
    ho tre figli e ognuno si comporta nella nanna in modo diverso. Col primo a otto mesi ho applicato il metodo Estivill. Ero, come si dice, alle cozze. Dopo due notti ha funzionato, ma lui non ama addormentarsi e ogni tanto, a sei anni, viene nel lettone. Il secondo un dormiglione da paura. Messa a letto da sveglio e addormentamento in autonomia. Il terzo ha sette mesi, si sveglia ogni due ore e per la prima volta mi lascio guidare completamente dall'istinto e... dal richiamo del lettone!! Perché se fanno così, forse hanno semplicemente bisogno di noi in quel momento strano che è la notte (che a volte è "buia e tempestosa"). Stai tranquilla, nel loro letto torneranno e un po' te ne dispiacerai...

    RispondiElimina
  26. Anche io ho scritto un post su come addormentare i bamnini. Io continuerei con la sedia a dondolo, se questo è uile a farla addormentare in poco tempo, di sicuro non le creerà dei problemi psicologici o non diventerà viziata solo per questo. Per il resto hai tutta la mia comprensione..un abbraccio.
    P.S. se qualcuno ha suggeriementi anche per me vi aspetto su http://vistodalei.splinder.com

    RispondiElimina
  27. il momento di andare a letto può essere triste per un bimbo un pò come la scuola sente l'abbandono forse per tuo figlio è così hai provato a leggergli racconti sulla nanna, s enon vuole dormire nel letto s el'addormenti con voi sul divano e poi la sposti? se stà con voi nel lettone? io non ho un solo metodo per addormentarli dipende dal momento, non ti "fissare" sull'orario giusto

    RispondiElimina
  28. Nel nostro caso il problema erano i miei sensi di colpa: spesso noi mamme lavoratrici ci sentiamo in colpa quando, arrivata l'ora della nanna, priviamo nuovamente il bimbo della nostra presenza.
    La mia pediatra mi ha fatto notare che, quando tentavo di far rilassare la bimba con frasi dolci, il mio tono della voce diceva il contrario delle mie parole: altro che rilassamento, la mamma sta per abbandonarti, che e' una cosa brutta e a lei stessa dispiace tanto per quello che sta per farti, cioe' che ti lascera' sola!
    E' bastato un mese a casa dal lavoro per rompere il circolo vizioso: la bimba mi aveva a disposizione tutto il giorno, non temeva piu' di "perdermi" e soprattutto io, sapendo di aver passato tutto il mio tempo con lei, non mi sentivo piu' in colpa quando arrivava l'ora della nanna.
    Questo, insieme al fatto che ad una certa eta' le cose tendono ad andare a posto da sole, e che la stanchezza dopo aver giocato all'asilo fa miracoli, ha risolto il nostro enorme problema col sonno. Vedrai che si sistemera' tutto, abbi TANTA TANTA pazienza!!! In bocca al lupo e un grosso abbraccio!!!

    RispondiElimina
  29. La mia nocciolina Camilla mi ha fatto subito capire di avere il suo bel caratterino .... il periodo piu' duro sono sicuramente stati i primi mesi perchè , essendo la mia prima esperienza da mamma , avevo letto cosi' tanti libri e avevo la testa piena da cosi' tanti consigli che raccoglievo qua e là , che non sapevo più come gestire il momento del "sonno" sempre cosi' drammatico .... NON NE VOLEVA PROPRIO SAPERE DI DORMIREEEEEEE !!! .... Alla fine ero cosi' stanca e snervata che mi ero convinta che forse la motivazione dei suoi continui pianti e delle notti insonne fosse proprio questo mio stato ansioso nel vederla a tutti i costi addormentarsi come tutti gli altri bimbi !! .... poi a Giugno ci ritroviamo a cena da un collega di mio marito con il loro bimbo dell'età di Camilla ( 24 mesi ! ) .... nel parlare del piu' e del meno salta fuori l'argomento "bimbi che non dormono" e a mio conforto mi raccontano di aver avuto lo stsso problema con Filippo , il loro angioletto . Ma di averlo risolto non mettendolo piu' a letto !!
    Io un po' scettica ma molto molto stanca accetto il consiglio .... cosi' la prima sera mi sembrava che le pile di Camilla non si scaricassero piu' .... e alle 22.30 non sono riuscita a resistere , accompagnandola a letto e ricominciando la battaglia del sonno ..... ma la sera successiva , dopo un bagnetto tiepido , una bella impigiamata , la sua dose di bibe , l'ho piazzata sul tappeto davanti al divano con tutti i suoi giochini , ho chiaccherato con lei cercando di gestire il tono di voce , ho spento le luci ed ho lasciato accesa solo la lampada alogena bassa , e come per miracolo alle 23.15 dormiva con il faccino schiacciato sul suo pupazzo lapin ed era cosi' teneraaaaa !!! l'ho passata nel suo lettino e non si è piu' svegliata fino alla mattina seguente !! è stata la fine del nostro calvario ... adesso una sera si addormenta alle 21 e l'altra magari alle 23 ma va bene lo stesso !!! Diciamo che la prima che forse ha dovuto imparare che la mia piccola Camilla non funziona a comando sono stata io !! adesso crolla dovunque .... sul divano .... sul tappeto .... nel nostro lettone .... non mi resta che passarla nel suo lettino ed il gioco è fatto !!! un abbraccio .... con il cuore ! Barbara

    RispondiElimina
  30. @caia penso la mia si proprio allergica alle routine perchè ad un certo punto le rifiuta. es. la bambola per dormire ho cercato sempre di farla affezionare ad una in particolare che le piaceva ed è durata un pò ma poi si stanca e ne vuole un'altra, poi un'altra ancora, lo stesso per le ninna nanne "mamma canta quella! mamma canta quell'altra" che dire sarò una donna sicuramente più intraprendente della mamma! grazie per il papirooo! in questo settore l'esperienze da leggere non sono mai troppe!

    @mammafelice lei non si stanca mai, lo so che sembra impossibile, ma lei da sola non riesce a gestire la sua stanchezza e se non l'aiuti diventa prima iperattività poi nervosismo e aiuto la fai dormire tra urla e pianti. quindi non posso lasciarla aspettando che le venga sonno. abbiamo provato a metterci nel letto e lasciarla fare: salta, scende, sale ve in cucina, torna, salta, ride e questo sembra continuare ad oltranza fino a che ora non lo so perchè ad un certo punto la prendiamo e a nanna. riguardo la sveglia ti dò pienamente ragione con la scusa della notte precedente aspetto che sia sempre lei a svegliarsi. in genere mai più tardi delle 9, anche se di solito alle 8, ma il problema penso che sia più il pomeriggio, delle volte si addormenta alla 15 e 30 per svegliarsi alle 17 e 30. insomma forse più che agli orari della nanna dovrei pensare ad essere precisa sui risvegli il fatto è che mi dispiace quando so che non ha dormito o che è molto stanca svegliarla

    RispondiElimina
  31. @stefano662 effettivamente un pò di polso all'inizio non avrebbe guastato. bella l'idea dei giochi nel lettino...proverò!

    @mina guarda che ti prendo sulla parola! aspetterò i 30 mesi e chissà che non cambierà anche per me

    @anonimo io per fortuna e sfortuna non lavoro. quindi insieme ci stiamo parecchio anche se effettivamente i problemi si sono riaccentuati con l'asilo nido. passerà!

    @barbara questo è davvero da provare! non l'ho mai vista addormentarsi sui suoi giochi o sul tappeto. il problema, come dicevo a mammafelice che più è stanca più è iperattiva. e quindi non so. comunque tentar non nuoce!

    @silvia la mia se la lasci così continua a non stare ferma salta si gira scende insomma ad un certo punto devo decidere io che la giornata è finita altrimenti...

    @mammainverde tre esperienze diverse. anch'io mi dico sempre che vorrei fare l'esperienza del dormiglione chissà come sarà!

    @vistodalei eh si io e te siamo sula stessa barca

    @supermamma hai ragione delle volte ho la fissa dell'orario ma tanto alla fine decide lei quando addormentarsi

    RispondiElimina
  32. @tutti i nuovi commenti. per la velocità con cui ho risposto ai vostri commenti ho trascurato di dare il benvenuto, come faccio di solito, a tutti coloro che sono qui per la prima volta. e allora un caro benvenuto a tutti!

    RispondiElimina
  33. Estivill è un sadico! Tropppppo rigido concordo con te!
    Purtoppo metodi non ne ho, il mio cucciolo ha solo 3 mesi e già non ne vuole sapere di dormire, quindi sono la meno indicata, ma sappi che non sei sola! ;-)
    Un abbraccio grande e in bocca al lupo

    RispondiElimina
  34. @martina e matteo in bocca al lupo anche a voi...quando non si dorme è lunga...ora ad esempio sono al pc dopo essere stata 45 minuti con lei per farla dormire e ora ci sta provando specialpapi. a la cosa bella sapete qual'è? che la notte scorsa non ha dormito per niente per tosse e oggi pomeriggio solo mezz'ora. è incredibile doveva dormire in due secondi...no ci rinuncio! non c'è soluzione.

    RispondiElimina
  35. Coraggio.
    Ci siamo tutte....
    Ma volevo chiederti: cosa sarebbe il letto montessoriano? SOno curiosa....
    grazie
    ciao
    Chiara

    RispondiElimina
  36. Ciao anche il mio gigantino, quasi due anni, mi ha fatto penare e ancora lo fa per dormire. Credo che i bambini siano diversi nella naturalezza con cui affrontano il sonno a prescindere dai metodi usati dai genitori. Attualmente il mio bimbo si addormenta per lo più col seno (grave errore, fatto però per disperazione) e si sveglia, quasi sempre, almeno una volta a notte.
    Quasi quasi mi accontento se penso che fino a pochi mesi fa i risvegli notturni erano molto più frequenti. Inoltre ormai chiede il seno (per riaddormentarsi) molto raramente, per lo più lo fa da solo anche se questo comporta almeno una quarantina di minuti di rigiramenti vari nel lettone.
    Cosa abbiamo fatto per favorire questi miglioramenti? Niente, ha fatto tutto lui. Io ho cercato solo di rendermi conto dei "progressi" o meglio dei cambiamenti e di non ostacolarli per esempio quando mi sono accorta che iniziava a non chiedere più il seno per riaddormentarsi l'ho assecondato.Tuttavia ho notato delle cose:
    1. più si addormenta tardi (11.30-12.00) meno i risvegli sono frequenti.
    2. più è stanco, più è difficile non tanto farlo addormentare quanto FARLO CALMARE, e se non si calma, non si addormenta.
    3. in qualche modo DEVE CONVINCERSI che è ora di dormire. Io gli dico "guarda amore fuori è buio" se lui risponde "nonno ninne, nonna ninne, lola ninne, watel ninne" allora significa che è pronto e possiamo provarci.
    4. se lo copro (adesso che inizia a far freddo) mentre lo allatto si addormenta più velocemente.
    5. prima accorro in camera, quando si sveglia la notte, maggiori sono le possibilità che si riaddormenti senza che io lo prenda in braccio e lo porti nel lettone (con buona pace di Estivill), perchè all'inizio è come fosse in dormiveglia.
    6. le sere in cui proprio non ne vuole sapere mio marito ed io ci sdraiamo sul lettone insieme a lui e fingiamo di dormire, praticamente fingiamo il coma, alla fine, a volte anche dopo quaranta minuti, riesce a calmarsi e si addormenta da solo, addirittura.
    7. debbo avere un mucchio di pazienza perchè ci vorrà ancora del tempo perchè l'addormentamento diventi una cosa naturale. Cerco di godermi i miei risvegli dopo sette ore di sonno ininterrotte come fossero doni speciali e imprevedibili e di conservare un pò di energia e pazienza per l'ultima fatica giornaliera, la più pesante.
    Insomma ci vuole resistenza ma ce la faranno anche i nostri bimbi, prima o poi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  37. @chiara ciao e benvenuta è un lettino praticamente a terra in modo che anche se così piccoli imparino l'autonomia del sonno senza il rischio di cadere e farsi male o al contrario senza le sbarre che li limitano. comunque posterò al più presto le foto del mio.

    @sicampeggia esattamente! proprio ora commentavo da mammafelice su chiparla di fortuna e sfortuna in questi casi (termine che tra l'altro io odio) ma non c'è che dire solo chi ha dei bimbi così difficili può capire quante ne abbiamo provate, quanto siamo diventate maniache del sonno e delle sane abitudini. bisogna ricordarsi che il punto di partenza nell'applicazione di un metodo è il bambino: a hce tipo di bambino applico questo metodo? a un dormiglione ad uno che comunque ha un sonno pesante, ad uno che si addormenta da solo ovunque e magari si risveglia frequantemente, ad uno che si adatta o come il caso nostro ad un bimbo dal sonno iper leggero che non puoi prenderlo dal letto per spostarlo che si sveglia (io ho amiche che nel sonno riescono a mettere il pigiama o a cambiare il pannolino etc etc) e perciò nel nostro caso è facile essere etichettate come quelle che non c'hanno saputo fare e dall'altra parte quelle che invece sono state più attente. il punto di partenza è il temperamento del bambino.
    "prima accorro in camera, quando si sveglia la notte, maggiori sono le possibilità che si riaddormenti senza che io lo prenda in braccio e lo porti nel lettone (con buona pace di Estivill), perchè all'inizio è come fosse in dormiveglia." e questa è una sacrosanta verità se aspettavo che si riaddormentava da sola si svegliava completamente ed era capace persino di mettersi a giocare. abbiamo proprio la stessa situazione.

    RispondiElimina
  38. Ciao mi è venuta in mente una cosa che avevo dimenticato: magari è un caso ma il gigantino ha iniziato a fare qualche notte intera più o meno dopo l'estate. Dato che, quando si tratta di sonno, sto sempre a farmi mille paranoie alla ricerca della formula magica, mi sono data la seguente spiegazione: in quel periodo mio marito era in ferie dunque è capitato che facesse addormentare (più spesso del solito) il gigantino sia di giorno che di sera, cullandolo in braccio; nello stesso periodo il bimbo ha avuto modo di addormentarsi con la nonna nel pomeriggio (incredibile lei ci riusciva sdragliandoglisi vicino e cantando una ninna nanna). Sia col papà che con la nonna il gigantino ha iniziato ha dormicchiare per un pò più di tempo. Partendo dal presupposto (che però è da dimostrare) che tutto ciò non sia casuale, mi sonno detta che forse il papà e la nonna hanno dato al gigantino l'opportunità di sperimentare che ci si può addormentare in tanti modi diversi. In modo particolare poi l'addormentamento con la nonna credo sia stato il modello per l'attuale tendenza del gigantino a riaddormentarsi da solo a seguito dei risvegli notturni.
    Chissà, magari non c'entra nulla ma se hai l'opportunità di fare questo tentativo, provaci, poi la cucciola è più grande dovrebbe intuire già solo con una decina di ripetizioni.
    Comunque il tenore di questo ragionamento la dice lunga sulla pesantezza dei problemi di sonno! Ma che vuoi: si fa quel che si può!
    Spero di esserti stata un pochino utile a presto ciao.

    RispondiElimina
  39. ciao! ti scopro dal sito di sicampeggia ed è la prima volta che ti scrivo. Io facevo baby sitter ad una bimba a cui davamo Nopron per farla addormentare. Io ero ragazzine e mi sembrava strano dover ricorrere ad un farmaco. Ma devo ammettere che servivai solo per farla addormentare e la bimba non aveva nessunissimo segno di rimbambimento. Putroppo durante la notte si svegliava molte volte ma le prime ore di sonno erano serene e mi pareva che questo fosse positivo.
    Non so se quando sarò mamma, all'occorrenza, ricorrerò mai a certi metodi, ma lì per lì mi pareva che fosse più serena anche lei ad addormentarsi facilmente...

    RispondiElimina
  40. Allora... innanzitutto grazie per avermi indirizzata a questo tuo post. Prima di tutto perchè mi sento meno sola.. Insomma.. non nel senso che mal comune mezzo gaudio.. ma nel senso che... insomma.. non mi sento più così emarginata! Spero davvero che questa fase che sto passando di difficoltà a far addormentare Davide sia solo passeggera. Ad ogni modo.. proverò a seguire anche il tuo consiglio.. proverò a cullare Davide e poi a rimetterlo nel suo lettino... sperando che una volta coricato non si risvegli come fa di solito. Grazie ancora e.. in bocca al lupo a tutte le mamme disperate! :-)

    RispondiElimina
  41. Ciao, come sai anche io ho scritto di questo (ho messo un aggiornamento oggi http://mammainrete.blogspot.com/2010/11/perche-il-bambino-deve-dormire-da-solo.html)
    Io credo che occorra fare il meglio per ..sopravvivere alla maternità senza sensi di colpa indotti da gente che spesso non ha nemmeno figli (molti pediatri!!) prova a farla dormire con te (mio figlio credo abbia proprio la stessa età della tua,è nato a settembre '08) se vedi che dorme meglio hai già un indizio 8cerca rassicurazioni.
    Poi non so se la tua va all'asilo, il mio ancora no, ma se sta con te prova a farla stancare tanto (io ci sto riuscendo con il baby nuoto la mattina e il pomeriggio dopo il riposino - non piu' di un'ora e mezza- tante corse).
    Io ho provato l'omeopatia (la mia pediatra mi consiglio' camomilla supp supposte di camomilla al primo risveglio, acquistate ma non ho avuto mai il coraggio, camomilla camomilla granuli, non hanno funzionato. Fitoterapia: fitosera provata non ha funzionato. Melatonina: consigliata dalla pediatra ma non mi trova daccordo.
    Noprom molta gente lo usa io la trovo una violenza usare medicinali per indurre il sonno nei bambini. Quindi mai provato. Chiaramente quello credo funzioni sempre.

    Il naturopata ci ha consigliato di non dare prodotti animali la sera (eccitano) quindi niente carne pesce uova parmigiano ecc

    Niente tv dopo cena

    Il bagnetto in genere rilassa (anche se gioca tanto l'azione dell'acqua calda sul corpo dovrebbe avere effetto)

    Medico ayurvedico mi ha consigliato lavaggio dei piedi con acqua calda la sera e massaggio (provato nessun risultato)

    Io ho un lettino un po' montessori credo, (è quello della stokke) lui puo' uscire da solo da un'apertura laterale, per cui usciva eveniva nel ns letto

    pediatra americano famoso (T Berry Brazelton) consiglia di usare un cancelletto da mettere alla porta della cameretta. Provato. Lui si alza comunque e al cancelletto mi chiama, oppure certe volte non si alza ma comunque mi chiama dal letto

    insomma anche la mia ricerca continua

    ciao

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.