martedì 14 settembre 2010

strane reazioni

continua il nostro ambientamento al nido. nostro perchè non c'è che dire, anche la mamma si deve abituare alla nuova situazione. ormai da un pò di giorni la lascio da sola. la cucciola è entusiasta. non appena arriviamo mi lascia la mano e corre dai suoi amici. è bello vederla così. mi fa sentire più forte perchè negli ultimi giorni ci sono molti bimbi che piangono, diversi inserimenti e la situazione non mi sembra così facile per le educatrici. mi sembra come se non mi tengono sottocchio la cucciola. lo so, è il loro lavoro, ma quando la lascio in quel caos mi sento davvero combattuta e affranta. avrei voglia di riprenderla e portarla via con me. ma resisto. le do un bacino, la saluto con un sorriso e vado via. la cucciola non piange, continua a giocare e quando torno a prenderla, dopo un paio d'ore, è contenta ma faccio fatica a portarla via. 
alla riunione precedente l'inserimento, ricordo che le educatrici ci spiegarono di prepararci all'eventualità di strane reazioni dei nostri piccoli, come non mangiare, non dormire, rifiutare tutto.
in particolare, i bambini che all'asilo non mostrano segni di difficoltà, in altri momenti della giornata possono sembrare diversi. mai frase più esatta! 
ieri, una volta tornate a casa, la cucciola non mi ha dato tregua. mamma dove sei? mamma che fai? mamma vieni qui con me! stando continuamente appiccicata a me. anche durante la notte mi ha chiamato per ben due volte disperata. e non solo. è molto nervosa ed è diventata tarzan. sale ovunque. in piedi sul tavolo, in piedi sul sediolone, in piedi sulla spalliera del divano, in piedi sul mobile della televisione, in piedi sul letto. tutte cose che fino a qualche giorno fà non le ho visto mai fare. e poi i pianti, i capricci. ogni mio No si tramuta in un suo pianto disperato, con urla devastanti simili a quelle che sente dai bimbi che piangono all'asilo per la loro mamma. e lei è una che sin da piccolissima ha pianto poco e niente!
e poi i suoi No. sono infiniti. qualsiasi cosa la dico la sua risposta è NO! convinto e netto.
e poi E' MIO! finora non ne aveva capito il senso ma da qualche giorno qualsiasi cosa io tocchi, lei urla LASCIA E' MIO!!!
insomma sembra un'altra bambina. forse tutto quello che non esprime col pianto al nido sta comunque venendo fuori in questo modo e stamattina all'asilo non l'ho portata. 
ieri era troppo agitata non riuscivamo a gestirla. e in effetti per tutta la mattina è stata tranquilla a giocare, sorrideva, girava per casa con la normalità di sempre. poi siamo andate a fare una passeggiata. io e lei. ed eravamo felici come due fidanzatini che finalmente stanno insieme serenamente. lei mi diceva mamma tei contenta? (non so se ne capisce il senso ma me lo chiede sempre quando lei sta bene). e insomma questa pausa da nido ha rigenerato tutte e due. domani ricominciamo perchè comunque a lei piace e ne parla continuamente. il cambiamento è grande. e forse per lei è il primo vero cambiamento!

18 commenti:

  1. Penso, che quando arriva al nido è contenta di giocare con gli altri, ma poi è una fatica stare senza la mamma e gestire i rapporti con gli altri. Un bambino non è in grado di dirlo, ma stare fuori casa, lontano dalla famiglia è faticoso ed emotivamente pesante. Considera anche, che non ha ancora il senso del tempo e quindi potrebbe pensare che non torni più. I bambini sono esserini abitudinari e necessitano di certezze e punti di riferimento, il nido è un cambiamento più grande di quello che a volte noi grandi capiamo. Cerca di ritagliarti degli spazi di coccole solo per voi due, un rituale serale che la rassicuri. Baci

    RispondiElimina
  2. Non deve essere per niente facile, ne' per te ne' per la cucciola, forse in un certo senso lei nella sua testolina vuole fare anche felice te, da lì la sua domanda se sei contenta!!! Sto leggendo un libro che mi ha consigliato un'amica che dice proprio questo... a volte diciamo che un bimbo "non collabora" quando ci rende tutto più complicato e invece "collabora forse troppo" riservandoci forse la stessa reazione che ci aspetteremmo o che abbiamo noi stessi genitori nel cuore!!! Forse... comunque secondo me stai facendo bene, e anche la piccola pausa è stata utile, secondo me i bimbi hanno bisogno di cambiamenti graduali, a piccoli passi. ;)

    RispondiElimina
  3. La BiBi fa molte delle cose che fa la tua cucciola ma...non sta facendo nessun inserimento!!!!Azz siamo messe male! :)
    Sicuramente è un gran cambiamento ma sta anche crescendo e credo sia normale passare attraverso fasi diverse, sicura che non sei tu che dai al nido "la colpa" di tutto?
    Cmq vedrai che presto le cose si assesteranno.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ciao sono passata a sbirciare!Per quanto riguarda l'inserimento ricordo che Angelica non ebbe nessun problema inizialmente ma dopo un paio di mesi fu il delirio. Le maestre mi spiegarono che in un modo o nell'altro tutti i bimbi devono esternare i loro sentimenti rispetto a questi cambiamenti (cosi' successe poi anche per la nascita del fratellino) e che anzi e' importantissimo che lo facciano..ognuno con le proprie rezioni. Vedrai che passa!

    RispondiElimina
  5. @oh mamma. condivido completemente quello che scrivi. il cambiamento c'è e anche se non lo esternano chissà cosa succede dentro di loro. mi ritaglierò più spazi coccolosi da dedicarle.

    @mrsapple io cerco sempre di essere graduale in tutti i cambiamenti che affrontiamo. spero che, come dici tu, le faccia bene. le educatrici invece dicono di non assentarsi per il primo mese.

    @eteVaM sarà anche la crescità e sicuramente il confronto con gli altri ne affrettato alcune tappe come "mio" e "no". ma so che ci sono anzi mi fa piacere che inizi ad imporsi. e il nervosismo che non mi piace.

    @alice benvenuta!!! è proprio questo che temo a lo hanno detto anche le sue maestre. meglio un bimbo che piange subito perchè gli altri riservano sempre sorprese. staremo a vedere.

    RispondiElimina
  6. ciao!
    dalla mia esperienza di mamma e di educatrice di nido direi che la tua piccola sta aveno una reazione tipica dell'inserimento al nido, a volte i nuovi inseriti hanno reazioni così ma sono ( devono essere ) passaggere, durano alcuni giorni e poi piano piano l'andare al nido diventa routine e quelle scene isteriche diminuiscono. Pensa che lei è sempre stata abituata a contare sulla propria mamma e al nido deve utilizzare tutte le sue energie per sopportare la separazione.
    E' faticoso, te lo assicuro.
    dal tuo canto cerca di assecondarla, falle più coccole e dille che è sempre nei tuoi pensieri, passa il pomeriggio dopo il nido con lei, fate qualcosa che sia solo vostro, la lettura di un libro insieme, un disegno, qualcosa dove lei è la protagonista.
    tu mamma porta pazienza, vedrai che quando la piccola al nido troverà la sua dimensione tutto passerà.
    forse mi sono dilungata troppo ma è un tema a me caldo, se vuoi contattami via mail....
    o facebook!
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1553891757

    RispondiElimina
  7. Anche a me dicono che è normale... Al grido di "Mamma Biemi" trascorriamo i nostri pomeriggi... è più nervoso... e proprio per questa ragione abbiamo fatto una pausa anche noi... la pausa è diventata un po' troppo lunga a causa di un brutto raffreddore... domani si ricomincia e vediamo come andrà!!! Tieni duro! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. E' sicuramente un passo molto importante per la tua piccola, quindi anche se non lo esterna magari all'asilo, è normale che poi ci sia qualche cambiamento a casa, l'ho notato spesso nei bambini. Hai fatto benissimo a prendervi una pausa, a volte i bambini hanno anche bisogno di rassicurazioni e della loro routine collaudata ;) Ma vedrai che presto anche l'asilo sarà per lei una routine e piacevole anche, visto che comunque là si trova bene e gioca :D

    RispondiElimina
  9. Ecco, io di pedagogia non ne capisco molto non avendo ancora vissuto esperienze del genere con dei bambini... Però se mi calo nei panni della tua piccolina ecco che le cose diventano più semplici e chiare da capire...
    Penso che il distacco dalla propria famiglia, dall'unico saldo nucleo affettivo e di frequentazione fin'ora vissuto possa provocare dei sentimenti destabilizzanti. Insomma la paura dell'abbandono penso che possa nascere anche se la tua bimba si trovi benissimo al nido. Tutti i cambiamenti, anche quelli belli, mettono paura. Mettono paura ai grandi, figuriamoci ai bambini! Sono però convinta che superato questo momento di transizione la tua cucciola diventerà molto più tranquilla e serena.. Nel frattempo.. tanta pazienza e amore!
    Buona giornata simplymamma!

    RispondiElimina
  10. E' normalissimo.
    Belvetta lo sta facnedo con la materna.
    Ma a quasi 3 anni un pelo di istinto di appenderla per le orecchie al muro ti viene...poi ti controlli e la proti in biblioteca.
    Ma è normale.
    Benvenuta a bordo di 'sto carrozzone di figli in crescita.

    RispondiElimina
  11. è normale, il mio piccolo uomo va al nido da quando è nato ...ed è sempre stato super sereno ...ma appiccicato all'inverosimile a me alla sera...giustamente...a volte lo sopportavo ..altre volte ero più nervosa io di lui.

    RispondiElimina
  12. @rossella grazie. il tuo commento è davvero prezioso. devo cercare di starle più vicina. se avrò altri dubbi non esiterò a contattarti.

    @tatina quindi anche per te la stessa storia. teniamo duro!

    @moonaflowers e @nellamiasoffitta avete ragione. bisogna vedere la situazione con i loro occhi. è un distacco e anche se è felice al nido non vuol dire che non risente della mia mancanza.

    @rocciajubba e @istinto è proprio questo il problema che quando è a casa è talmente nervosa e appiccicosa che non mi fa capire più nulla e mi saltano i nervi. insomma tanto dolce e coccolosa non riesco ad esserlo. grazie per il benvenuto sul carrozzone. è dura!!!

    RispondiElimina
  13. è un momento di grandi cambiamenti per i nostri cuccioli. Quando sono a scuola sono tutti concentrati a socializzare e a svolgere le loro attività e poi a casa, si rilassano e allora reclamano attenzioni!
    Un pò è come se ci dicessero < Mamma, prima eravamo sempre insieme e ora mi lasci a scuola...beh ora sei tutta per me!>
    E poi io penso che a scuola sono così bravi a seguire le regole che una volta tornati a casa si sfoghino!!! In certi momenti è veramente dura, specie con due mostriciattoli urlanti e agitati!!! ciao baci baci

    RispondiElimina
  14. ciao, ogni tappa ha la sua croce....poi passa...questo è un pò il segreto.
    Se ti va un consiglio eccoti servita: porta pazienza, stalle vicino ma non farti venire i sensi di colpa, entra in contatto con la fatica che lei sta facendo e goditi i momenti appiccicosi e lamentosi...
    facile, vero...
    però credimi, crescono in un soffio

    RispondiElimina
  15. @mammasorriso e che poi a casa le staffe le perdo io e non dovrei, in questo particolare momento.

    @calzelunghemom nel tuo commento ci sono due sacrosante verità che mi devo ficcare in testa per stare meglio "ogni tappa ha la sua croce....poi passa", "crescono in un soffio"
    grazie ne farò tesoro.

    RispondiElimina
  16. ma certo bella, è tutto normalissimo...vedrai che piano piano si abituerà e sarà una bimba felicissima di andare al nido e di giocare con i bimbi e tu sarai una mamma più serena di lasciarla!!!

    RispondiElimina
  17. Io e il mio piccolo ometto (2 anni tra 1 mese) abbiamo iniziato l'esperienza del nido da 15 giorni. Ora non piange più all'ingresso anche se mi saluta con gli occhietti da cane bastonato, ma quando torniamo a casa impazzisce letteralmente. Non vuole scendere dal passeggino, non vuole togliere il giubbino non vuole fare nulla e grida e strepita come un cavallo impazzito...sono desperate: forse non è pronto??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che stia solo affrontando il distacco e vedrai quante fasi ci saranno, anche alla scuola materna iniziano nuovi problemi. ma il nostro ruolo è aiutarli a crescere standoli vicino e rassicurandoli. vedrai che passerà

      Elimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.