giovedì 16 settembre 2010

e la magia si spezzò....

ancora di nido. lo so che non mi sopportate più ma è l'argomento a cui penso costantemente, l'esperienza che sto vivendo come tante di voi in questi giorni. il primo vero distacco. 
oggi ho lasciato la cucciola al nido anche per mangiare. non ero molto convinta che fosse il momento giusto perchè, come spiegavo nel post precedente, a casa è molto nervosa e ieri sera, oltre ad aver mangiato pochissimo, si rifiutava di dormire e voleva solo stare in braccio a me. insomma s'è fatta mezzanotte. 
stamattina alle 7 era già in piedi. l'ho preparata col solito entusiasmo e le ho spiegato che oggi avrebbe mangiato lì. abbiamo preparato insieme il sacchetto per il pranzo con bavaglini, tovaglietta, spazzolino e via.
come al solito è arrivata contentissima al nido, l'ho salutata e sono andata via. verso le 12 e 00 squilla il telefono. la cucciola era disperata e non si calmava in nessun modo. in meno di 120 secondi ero lì.
l'ho trovata angosciata, con la voce rauca per quanto aveva pianto, i capelli bagnati dalle lacrime. tremava.
l'educatrice mi ha spiegato che ha giocato tranquillamente, poi le hanno cambiato il pannolino, le hanno dato la pappa e ha mangiato. improvvisamente è esplosa in un pianto inconsolabile. non capiva più nulla. chiedeva solo di me. 
ecco! così come mi avevano detto, ed anche qualcuna di voi me lo ha confermato, prima o poi la crisi arriva anche per quei bimbi che apparentemente sembrano essere felicissimi dell'asilo. 
secondo l'educatrice è stato un bene che sia esplosa, che ha buttato fuori tutte quelle forti emozioni che stava vivendo senza dimostrarle.
siamo uscite dall'asilo, siamo andate a fare una bella passeggiata, siamo tornate a casa e non ho fatto altro che riempirla di coccole. coccole, coccole, coccole. 
non deve essere per niente facile per lei. tutte queste novità. estranei che ti cambiano e ti danno la pappa.
chissà domani che succederà, se vorrà andarci. se è stato un'episodio di assestamento o se davvero la magia si è spezzata e domani la lascerò piangendo. 
spero di no, perchè non so se reggo!

18 commenti:

  1. Cara Simply, domani dovrai farti forza e lasciarla, anche se piange. Devi essere paziente e vedrai che prima o poi si ambientera'.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Belvetta ha pianto per un mese. UN MESE.
    Quando finalmente IO mi sono detta che era ora di smetterla con le MIE insicurezze, che la scuola era bellissima, che meglio a scuola che coi nonni(già è viziata così...), che era quello che avevo sempre volto per lei e mi facevo condizionare da altri...ecco quando ho ricordato tutto questo magicamente si è calmata. Da un giorno all'altro.
    I bimbi hannoil radar e sentono quando siamo insicuri.

    RispondiElimina
  3. ciao mi dispiace per il pianto..immagino come ti sia sentita.... bè è ancora piccolina e può capitare...succede ai "grandi" figuriamoci nel suo caso.... anche a me avevano detto che potevano scoppiare improvvisamente ed è meglio che comunque sia accaduto piuttosto che continuare il disagio...vedrai che andrà meglio....auguroni per il prosieguo...

    RispondiElimina
  4. L'educatrice ha ragione, è un bene che abbia finalmente esternato questa cosa..anche perché è normalissimo che si sia sentita un po' "persa" in mezzo a tutte queste novità e tu hai fatto benissimo a portarla a passeggio e poi coccolarla. Vedrai che piano piano si abituerà, l'importante è che anche tu sia serena per questa cosa.

    RispondiElimina
  5. @mammanonbasta. lo so! devo essere forte!

    @rocciajubba dici che anche se non la dimostro avverte la mia insicurezza e titubanza?

    @twins(bi)mamma lo spero anche io.

    @moonaflowers devo lavorare ancora su me stessa. comunque andiamo avanti e così che si cresce, no?

    RispondiElimina
  6. povera cucciola...chissà quante emoizoni si è tenuta dentro prima di scoppiare...meno male che se ne è liberata ora...e con tutte le tue coccole avrà già dimenticato le lacrime...sei una mamma dolcissima...posso solo immaginare come sia difficile vivere questi momenti...sia per i bimbi che per le mamme...forza! forza che ce la fate! siete splendide!

    RispondiElimina
  7. Vedrai la tua bimba sarà più serena ora che si è liberata...magari domani piangerà ma tu sii forte...forza,presto le piacerà tantissimo stare con gli altri bimbi

    RispondiElimina
  8. Penso anch'io che sia stato un bene che sia riuscita ad esternare, probabilmente quando avrà visto che il tempo passava e le educatrici la cambiavano e le davano la pappa avrà iniziato a preoccuparsi che ti sostituissero e che tu fossi sparita, secondo me devi solo darle del tempo, non è per niente facile, basta mettersi un attimo nei suoi panni per capirla, lei deve solo capire che lì può stare tranquilla e divertirsi, con la certezza che tu vai a prenderla dopo....ci vorrà un po' di tempo ma capirà!!!Hai fatto benissimo a riempirla di coccole!!!

    RispondiElimina
  9. o ma che è una congiuntura astrale che oggi li ha fatti sclerare tutti questi bimbi??...
    anche la mia oggi crisi isterica prima di vestirsi per uscire... pianti anche al nido prima di lasciarla... ma mi sono fatta violenza e sono uscita con il sorriso... va beh... che appena ho chiuso la porta sono scoppiata a piangere questo lo sapete solo voi!...
    troverai (troveremo) il coraggio... e spero presto si ambientino un pò e siano più tranquille...
    in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  10. @melie, @valeria e @mrsapple ma lo sapete che avete pienamente ragione. non so se domani piangerà di nuovo ma per tutto il giorno è stata molto serena, tranquilla. forse si è davvero sfogata! anche loro vivono questi meccanismi di tensione che si accumula finchè si scoppia. non credevo. grazie per esserci. mi aiutate tanto.

    RispondiElimina
  11. @kikka il pianto mio non manca mai. appena chiudo la porta ovviamente. facciamoci coraggio. impareranno vero? prima che il nostro cuore si spezzi. spero.

    RispondiElimina
  12. simply tieni duro! lo so che è difficile ma è necessario che si abitui al distacco dalla mamma, è un motivo di crescita anche questo!
    Cerca di rimanere serena e di mostrarle tutto il tuo amore dolcissimo quando siete insieme, in modo naturale però, altrimenti avverte che sei preoccupata! un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Non so darti consigli, so solo che leggendo il tuo post, mi sono scese le lacrime, mi sono immedesimata nella tua piccola, cercando di capire la sua sofferenza, ma poi ho pensato a te, mamma come me, a quando l'hai vista in lacrime. Quanto è dura per noi essere mamme....dai forza e coraggio, un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ieri avevo letto il post,ma non ho commentato questa mattina appena apro il blog mi sono chiesta chissa` se ha pianto la cucciola di simply oggi!Allora... new?

    RispondiElimina
  15. lo os è davvero dura, ma confermo la teoria delle educatrici; è bene che abbia espresso le sue emozioni. Avvolte per assestarsi serve qualche giorno dalla "crisi" cerca di non cedere. Che poi passa e ti ASSICURO i bambini stanno bene al nido e questa deve essere la certezza che ti sostiene. Un bacio e grazie per essere passata.

    RispondiElimina
  16. noi partiamo con l'inserimento tra dieci giorni. sono terrorizzata: volevo scrivere un post sulla riunione dei genitori e non sono neanche riuscita a fare quello. panico.

    RispondiElimina
  17. Piccola patata! Spero sia andata bene... non è per niente facile per lei e per te... ovviamente mi rivedo in pieno in questa situazione... Forse è meglio che sia esplosa...magari ti voleva dire "io mi diverto qui ma sappi che tu mi manchi tanto... davvero tanto!"
    Facci sapere!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. @mammasorriso e @ele è proprio difficile ma terrò duro!

    @wanesia non ti arrabbiare. oggi festa! è il suo compleanno e mi dispiaceva farla piangere in un giorno così speciale ma domani saremo pronti a ricominciare!

    @mammolina grazie a te per il commento. lei è una bimba molto socievole e so che una volta passato questo periodo starà benissimo con gli altri.

    @mammamaggie è dura! preparati perchè il cuore di mamma non regge!

    @tatina ma lo sai che tante volte la chiamo patata. emi sono detta "e tatina che ne sa!"
    doveva buttare fuori tutta l'ansia che aveva dentro. speriamo però che non si ripeta più una crisi del genere. fa un male!

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.