mercoledì 25 agosto 2010

un groviglio di pensieri

sono tante le cose che vorrei scrivere in questi giorni decisamente no. tutte le cose che mi passano per la testa, tutti i brutti pensieri che faccio. sono stanca. forse è colpa anche della dieta che sto seguendo con incredibile fermezza (sempre grazie alla zia), (ho eliminato tantissime cose che mi facevano stare bene che mi mettevano di buonumore, tipo il pane e la pizza, gelati, formaggi etc, ma sabato mi concedo qualcosina). mi sento davvero giù. complice anche il raffreddore della cucciola che ancora non vuol passare e che non la fa dormire più. lei ha sempre avuto questa strana reazione ai medicinali si innervosisce e non dorme più. anche se sono quelli che danno sonnolenza. lo scorso anno per una brutta faringite che le fece arrivare la febbre a 40 il pediatra mi prescrisse alcune dosi di cortisone, era una matta da legare ( infatti alla seconda pastiglia mi fermai optando per rimedi più dolci) anche in ospedale la pre-anestesia non ha fatto l'effetto dovuto (cantava e rideva come se fosse ubriaca rendendosi conto di tutto). insomma quando la cucciola si ammala non si capisce più nulla perchè riesce a toccare i vertici del suo essere amplificata e io la soglia della depressione. in effetti in questi giorni sono proprio senza energie fisiche ma soprattutto mentali. passo dal letto al pc (le uniche cose che faccio quando lei mi dorme una ventina di minuti). è incredibile. non riusciamo a trovare un equilibrio dovuto poi anche a tutto il contorno. lavoro, studio, soldi etc. insomma un disastro. e poi mi sento sola. un pò sono io che non sopporto più nessuno e evito di partecipare a uscite con altri, un pò amiche che sono sparite (mi sono ripromessa di dedicarci un post) e poi mia madre. non so che le succede ma dopo la morte di mia nonna è distante. non è venuta neanche a trovare la cucciola ora che è malata. anche lei sta attraversando un periodo negativo ma io non ce la faccio ad aiutarla. anche io ho bisogno d'aiuto. sento tutti lontani, distanti, tutti che danno per scontato che sei mamma e ce la devi fare da sola. ma io sono stanca e mi sembra tutto complicato. vorrei dare una svolta alla mia vita, ne ho bisogno. ho bisogno di un lavoro, di una soddisfazione economica ma anche personale. non possiamo andare avanti così. mi sento bloccata in una situazione che mi stringe fino al collo e non so da che parte cominciare. soprattutto non sento l'appoggio di nessuno e come se nessuno capisse (neanche i rispettivi genitori) il disagio che stiamo vivendo.

28 commenti:

  1. mi spiace così tanto sentire che sei così giù tanto.
    mi rendo conto quanto sia brutto dibattersi senza riuscire ad andare da nessuma parte.

    Io nei momenti peggiori mi sentivo al centro di una stanza senza potermi rifugiare in nessun angolo. perché in ogni angolo ad attendermi c'era un aspetto della mia vita che proprio non funzionava e che mi addolorava.
    e io li. al centro della stanza.

    Ti abbraccio fortissimo. Non sei sola. Almeno spiritualmente.

    RispondiElimina
  2. Il lavoro è sicuramente una parte importante della vita e spesso è terapeutico, ti capisco,appena rietrata pensavo fosse una tortura, lasciare la mia bimba di 4mesi e mezzo, ma ora capisco che è stata la cosa migliore. Dispiace sentirti così anche se non ci conosciamo e ti leggo da poco....dispiace...dispiace saper poco che fare e che dire senza essere inopportune.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. @navigo a vista hai centrato in pieno come mi sento. bellissima immagine, in ogni angolo c'è un aspetto della mia vita che non funziona. grazie in questo momento mi rifugio in voi. nei vostri commenti, nei vostri post. l'unico modo per uscire da quella stanza!

    @eteVaM il lavoro è fondamentale...non siamo più le mamme di una volta che dovevano stare a casa e neanche ci pensavano. è una nuova società e forse il ruolo della donna oggi è quello più sofferto.

    RispondiElimina
  4. Mi spiace saperti così giù e che anche tua mamma, nello stesso periodo, stia attraversando un brutto momento, ma..io penso che forse vi farebbe bene parlarvi, anzi, sai che penso? Penso che a tua mamma farebbe bene se la chiamassi e le dicessi semplicemente che hai bisogno di lei, forse riuscirebbe a reagire e magari ti aiuterebbe a sfogarti un po', anche se non so che tipo di rapporto avete.
    Quanto al resto mi auguro tanto che poco alla volta tutto si aggiusti.
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  5. Quando i nostri figli stanno male, tutte le nostre emozioni negative e stress vengono amplificati per mille.
    Quoto MoonaFlowers, fai tu il primo passo se lei non lo fa, aiuterebbe entrambe.
    Riguardo il lavoro, si, è fondamentale. Ma ancora la tua bimba è piccola, se non hai nessuno che la tiene penso che dovrai aspettare l'arrivo della materna.

    RispondiElimina
  6. Ti capisco...io in questi sette mesi dopo il arto ho avuto tanti alti e anche tanti bassi...però più volte, quando mi sono sentita giù ho chiesto aiuto ai miei, ai miei suoceri anche se mi costava fatica in termini di orgoglio..ora che sono tornata al lavoro sono più contenta, più serena mentalmente..
    ti conosco da poco e non so quali sono i tuoi trascorsi lavorativi..non so se non lavori per scelta per stare con la bimba o meno..però ti sento che hai voglia di cambiare..
    vedrai che quando avrai recuperato un po' di energie riuscirai con un po' di volontà a migliorare la situazione..
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  7. @moonaflowers e @slela delle volte l'orgoglio ci frena. mia mamma ha cresciuto tre figli da sola e con mio padre che per lavoro non c'era mai e anche esigente primo e secondo a pranzo e a cena non deve mai mancare. quindi mi viene difficile essere chiara e come se io non riuscissi a fare quello che lei ha fatto tranquillamente

    @valentina la scelta di essere a casa non è la mia ma di tutti i tagli che ci sono stati nella scuola, sono una docente, e quindi mi ritrovo in una strada che sembra senza uscita perchè per il lavoro stabile aspetterò millenni e quindi converrebbe cambiare lavoro, ma ho studiato tanto e ho anche già un pò di esperienza, purtroppo non tutto dipende da noi in certi momenti della vita.

    RispondiElimina
  8. So esattamente come ti senti. Il mestiere di mamma è molto solitario, sono poche quelle che riescono a coltivare amicizie anche con i bambini. Se le amiche lavorano hanno orari diversi dai tuoi e se hanno bambini spesso hanno esigenze diverse e così ci si riesce a vedere poco. Se poi manca anche la famiglia (mia mamma è mancata 4 anni fa ed è una grande assenza). Il lavoro per alcune è una risposta, io personalmente non potrei lasciare i bimbi in mano alle tate. Come vedi non ho risposte, voglio solo dirti, che non sei sola.

    RispondiElimina
  9. Quanto mi è dispiaciuto leggere questo post. Dalle tue parole, traspare il tuo bisogno. Stai chiedendo aiuto, ma noi ti possiamo solo risollevare un pò il morale con i nostri commenti, dicendoti che non sei sola. Ma secondo me, oltre a noi amiche bloggers, hai bisogno di un aiuto concreto, non so potresti chiedere a tuo marito di uscire, di andare a cena fuori tutti e tre, compatibilmente con i vostri impegni. Quando io mi sento giù, mi basta una serata diversa, anche una passeggiata ed un gelato, per riprendermi un pò. Serve a poco, ma ti abbraccio fortissimissimo.

    RispondiElimina
  10. Ciao. Sono passata a vedere come andava la dieta ma non immaginavo di trovarti cosi' giu'. Sai,anche mia mamma non ha mai capito le mie esigenze,soprattutto quando i bambini erano piu' piccoli, ma io mi sono sempre sforzata di andare avanti senza la sua approvazione. Anche lei ha cresciuto 3 figlie e anche mio padre era sempre fuori ma devi pensare che per una donna prima era "normale" stare a casa a fare la mamma. Non devi cercare di essere alla sua altezza perche' le esigenze di una donna oggi sono molto diverse dalle loro. E poi ricordati che ognuna ha un suo modo di essere mamma...che il lavoro oggi e' importantissimo per una donna (te lo dice una che lavora a pizzichi e bocconi)...e che oggigiorno " mamma non basta" .
    Nessuno di questi motivi deve farti sentire in colpa o inadeguata. Quando ho uno di questi momenti NO io di solito vado in centro e mi "perdo" nei monumenti o nelle stradine. Tu fai bene a scrivere...anche a me il blog aiuta.
    Ops...forse ho scritto troppo.
    Ti sono "bloggarmente vicina".
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Mi spiace anche a me leggerti cosi´ giu´ anche se e´ da poco che ti leggo.Capisco e come capisco, sono un anno e mezzo in Germania e a 4o anni ho dovuto incominciare tutto da capo.Tutti gli anni che ho studiato me li sono praticamente buttata alle spalle. Ho dovuto iniziare a studiare una nuova lingua per comunicare e non e´facile, ho fatto un corso dalla durata di 6 mesi e praticamente ancora non riesco a fare un discorso in tedesco, questo mi blocca lavorativamente parlando.Al momento sto facendo una stagione estiva un part time che ci ha fatto respirare un po´ economicamente e quest´inverno che sara´ di me?

    RispondiElimina
  12. Bè mi unisco ...non sei sola!!!!!!!!1 noi ci siamo! un abbraccio!!

    RispondiElimina
  13. @ohmamma è vero quello che dici. infatti la prima cosa che si riduce da mamma sono le amiche. molte credono che ormai hai un figlio e che quindi non hai tempo per loro ma in realtà quanto avresti bisogno di quelle chiacchierate

    @ele grazie per il sostegno e benvenuta. eh sì qualche serata diversa mi ci vorrebbe proprio

    @mammanonbasta grazie per esserci. mi sembra come se noi due fossimo amiche da un pezzo. non so perchè. in fondo dietro al pc potremmo essere tutte uguali. comunque la dieta va bene ho perso 2,5 kg in una settimana. certo l'umore ne risente. essere mamme oggi è diverso ma le nostre mamme non lo capiscono e quindi è difficile comunicare certi disagi.

    @wanesia è dura anche per te quindi. in un altro paese poi...ce la faremo, vero?

    @marti benvenuta sul blog e grazie per il sostegno. vi sento vicine.

    RispondiElimina
  14. ti conosco da poco tempo però posso dirti che capita spesso un momento di malinconia, di difficoltà, e sembra che tutto sia avvolto da un velo di inutilità, poi basta poco, a volte quasi niente e il sorriso, la voglia di fare, di vivere, tornano per farci battere il cuore...
    forza!!!

    RispondiElimina
  15. Certo che ce la faremo simply ricorda che noi donne siamo forti!

    RispondiElimina
  16. la sensazione che descrivi l'ho presente, ma cerca di non farti trascinare giù, ok?

    coraggio!!!

    cmq concordo un lavoro è un ottimo incentivo e antidepressivo.

    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  17. Cerca di prender del tempo per te e per ascoltarti, la risposta ai nostri problemi spesso e' dentro a noi stesse...solo che nel delirio della vita non riusciamo a vederla.
    Sono certa che uscirai dal pantano.
    F.

    RispondiElimina
  18. @francy, @wanesia @mammalellella care, grazie davvero per esserci.

    @ika anche io spero che prima o poi si scoglierà la matassa. bisogna aspettare e capire, anche se in certi momenti non è così facile. grazie per il sostegno e benvenuta.

    RispondiElimina
  19. ti lascio un grande abbraccio e un sorriso vedrai che presto andrà meglio tutto quanto, i periodi brutti li ho avuti anche io e poi da lassù qualcuno mi ha dato la possibilità di gioire per aver risolto tutto ciò che mi affliggeva...faccio il tifo per te :*

    RispondiElimina
  20. Volevo giusto scrivere su questo argomento, e mi dispiace tanto leggere che ci sei dentro e sei giù. Sappi che ti capisco moltissimo, anche senza troppe parole. Considerami in qualsiasi momento avrai bisogno di un pò di sostegno. Niente frasi fatte, solo cose pratiche: scrivimi se ti va, e raccontami quello che vuoi, anche le imprecazioni!
    E non andarci troppo pesante con la dieta, mi raccomando. Il buonumore per una mamma è importante.

    RispondiElimina
  21. Grazie per essere passata. Diciamo che i nostri ultimi post hanno molto in comune. Vedrai che riuscirai a farcela. Ostacolo dopo ostacolo si diventa più forti. Un grandissimo abbraccio,
    mammasidiventa.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  22. @unangoloinblu, @ondaluna e @mammasidiventa
    che dirvi...semplicemente...grazie!

    RispondiElimina
  23. fatti coraggio, i brutti momenti passano e purtroppo ogni tanto ritornano. per questo è importante che noi mamme raccontiamo cosa è davvero essere mamme in questo periodo e soprattutto in questo paese! fare la mamma è difficile, ci costa sacrifici e soprattutto ci crea problemi sul lavoro ma purtroppo chi non ci è passato non può o non vuole capirlo...
    in tanti pensano che una donna che sta a casa con i figli non possa volere altro dalla vita, invece non è così!
    comunque come ti hanno già scritto altro sicuramente parlarne con tua madre può esserti di aiuto. sicuramente avete molto bisogno una dell'altra e parlare vi farà bene e vi riavvicinerà... un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  24. @cosmicmummy hai pienamente ragione. se sto male non è certo solo colpa mia ma anche di ciò che c'è intorno. ho studiato tanti anni, acquisendo diversi titoli brillantemente e dovrei ormai avere una collocazione lavorativa sicura. ma non è così. in questo paese ci si disinteressa delle donne e in un momento così difficile non possiamo essere che l'ultima cosa a cui pensare. questo non è giusto.

    RispondiElimina
  25. Tesoro ti dico solo che non sei sola! davvero, non è una frase fatta, anche se non ci conosciamo personalmente, anche setra noi c'è distanza fisica, se siamo divise da un pc... io ci sono. E non solo io. Tieni duro, pensa che nonostante tutto hai una bella famiglia, tuo marito ti ama e ti è vicino, condividete questa esperienza sebbene dura e non è poco. Tesoro, vorrei darti il sorriso, ti mando un abbraccio forte! E vedrai che tutto passa. pensa che è solo un periodo di transizione, anche duro e lungo. Poi con la forza di volontà riuscirai a realizzarti, ne sono certa!

    RispondiElimina
  26. @VD grazie. davvero vi sento. anche se c'è un pc tasti da premere la rete non è così fredda come pensavo. ci sono persone vere dietro, affetto e sostegno. ci vorrà molto tempo finchè la situazione migliori questo sì, e non è facile. bisogna crederci che prima o poi...è un periodo di transizione, lungo, ma dovrà passare. grazie infinite.

    RispondiElimina
  27. Ehi, è un virus questo stato d'animo a quanto pare, eh? Ti sono vicina e ti capisco, non sai quanto...
    Per la cucciola hai provato con l'omeopatia? Ci vuole un po' più di tempo ma con Leti ha sempre avuto risultati sorprendenti...
    Un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  28. @piccolalory a quanto pare è il virus settembrino! mi incuriosisce l'omeopatia ma il problema è trovare un buon pediatra omeopata. grazie per il sostegno.

    RispondiElimina

questo blog è un angolo fatto di pensieri, emozioni, idee e riflessioni e il tuo commento è davvero prezioso perchè è solo col confronto che si migliora ogni giorno.
Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.